Fungo

Cause di dolore all'anca e ai glutei

Autore: admin · Pubblicato 08/16/2017 · Aggiornato il 30 novembre 2017

Il dolore ai fianchi e ai glutei colpisce molte persone. Il dolore sperimentato in quest'area può verificarsi alla coscia o può essere dato oltre i limiti della coscia. La maggior parte del dolore ai fianchi e ai glutei è meccanico e può essere risolto con l'aiuto di trattamenti conservativi, ma alcuni dei motivi possono essere seri. Qualsiasi dolore che è grave non scompare entro pochi giorni, o la progressione richiede una visita medica. In questo articolo consideriamo le cause del dolore alla coscia e ai glutei.

Possibili cause di dolore all'anca e ai glutei

La radicolite descrive l'irritazione o la contrazione del grande nervo sciatico. Di solito provoca dolore nella parte bassa della schiena, nella coscia, nelle natiche e nella parte posteriore della gamba. La condizione più spesso si verifica a causa di un ernia del disco nella parte inferiore della colonna vertebrale. L'ernia del disco si sviluppa quando la parte centrale simile a gelatina del disco spinale esce dai suoi limiti normali, il che può mettere sotto pressione i nervi adiacenti. Altre condizioni, come la degenerazione della colonna vertebrale e degli speroni ossei legati all'età, possono anche irritare il nervo sciatico e causare dolore. La malattia della radicolite può essere accompagnata da debolezza muscolare, intorpidimento, formicolio e perdita di sensibilità lungo il percorso del nervo. In casi frequenti, il dolore da sciatica è limitato a un lato. Questa condizione può essere trattata con farmaci anti-infiammatori ed esercizi. I casi gravi di radicolite possono richiedere un trattamento chirurgico.

Dolore all'articolazione sacroiliaca.

La giunzione sacroiliaca è formata dal sacro - la parte inferiore della colonna vertebrale - e il bacino. Questo collegamento è soggetto a lesioni. Il dolore alle natiche e alle cosce può derivare dall'articolazione sacroiliaca. Le persone che siedono per un lungo periodo di tempo possono provare dolore a queste articolazioni a causa di muscoli e legamenti stretti. Il dolore può anche essere causato da trauma, artrite o gravidanza. Il trattamento del dolore nell'articolazione sacroiliaca comprende farmaci anti-infiammatori, iniezione di cortisone ed esercizi per rafforzare i muscoli che sostengono l'articolazione.

Sindrome muscolare a forma di pera.

La sindrome del muscolo a forma di pera è un piccolo muscolo al centro del gluteo. Questo muscolo è attivo durante la corsa e la camminata ed è sensibile allo stress. Se il muscolo a forma di pera è teso, può stringere e causare dolore nella regione pelvica e nei glutei. Il nervo sciatico passa molto vicino, e in alcuni casi direttamente attraverso il muscolo a forma di pera. Quando un muscolo è teso e spasmo, può mettere pressione sul nervo sciatico, causando molti degli stessi sintomi che si verificano con le ernie associate a radicolite. I trattamenti comprendono il riposo dalle sostanze irritanti, lo stretching di un muscolo stretto e il rafforzamento di tutti i muscoli nella regione pelvica.

La spondilite anchilosante è una condizione infiammatoria cronica che colpisce la colonna vertebrale e le articolazioni sacro-iliache. Può progredire e influenzare altre articolazioni in tutto il corpo, ma i sintomi iniziali di solito iniziano nei fianchi e nella colonna vertebrale inferiore. Anca, glutei e mal di schiena sono comuni. In alcuni casi, questa condizione può interessare anche gli organi interni, inclusi cuore e polmoni. Il trattamento non chirurgico di questa condizione include fisioterapia e FANS o altri farmaci antidolorifici. Casi gravi di spondilite anchilosante possono causare una postura curvilinea permanente e possono richiedere un intervento chirurgico.

Altri motivi

Altri disturbi e lesioni possono anche causare dolore alla coscia e ai glutei. Ad esempio, le alte deformità muscolari del tendine del ginocchio o della rottura possono causare queste condizioni, specialmente tra gli atleti. Queste lesioni possono svilupparsi improvvisamente o gradualmente a causa di un uso eccessivo. Il blocco delle arterie che forniscono le gambe è una causa meno comune di dolore nella parte posteriore della coscia e dei glutei. L'indurimento delle arterie è il solito colpevole in questa condizione. Anche il danno o la contrazione dei muscoli o dei tendini nella regione pelvica può causare glutei e mal di schiena nell'anca.

Quali opzioni di trattamento sono disponibili

Per trattare il dolore nei glutei, dovresti vedere il tuo medico, reumatologo o ortopedico. Il tuo medico adatterà il tuo trattamento alla causa del tuo dolore.

Il medico può raccomandare:

  • Iniezioni di corticosteroidi per ridurre l'infiammazione.
  • Terapia fisica per aiutare a rafforzare i muscoli intorno alla ferita e migliorare la gamma di movimento nella zona interessata.
  • La procedura per il drenaggio di una cisti o ascesso.
  • Intervento chirurgico per riparare un disco danneggiato o sostituire un giunto usurato.
  • I rimedi casalinghi possono aiutare ad alleviare i sintomi fino a quando non viene sviluppato un piano di trattamento.

Quando vedere un dottore

Se il dolore non è migliorato entro pochi giorni, o è peggiorato, consultare un medico. Conducono un esame fisico e possibilmente eseguono test di visualizzazione, come i raggi X, per trovare la causa del dolore.

Una volta che il medico ha scoperto le cause del dolore all'anca e ai glutei, lavorerà con te su un piano di trattamento che soddisfi le tue esigenze.

Dolore al gluteo

Cos'è?

Il dolore nei glutei include qualsiasi disagio nell'area dei glutei. I glutei sono costituiti da tre muscoli glutei, situati dietro le ossa del bacino, che aiutano a mantenere il peso corporeo quando siamo in piedi e forniscono anche molti movimenti delle gambe, fianchi e busto. Inoltre, ci sono molti nervi e vasi sanguigni nei glutei e gli strati di grasso proteggono il bacino dai danni quando ci sediamo.

Cause del dolore nel gluteo

Danni a uno o più muscoli glutei, in particolare il grande gluteo, che è il muscolo più grande del nostro corpo, può causare dolore al gluteo. Il dolore ai glutei può anche essere associato a malattie e condizioni dolorose dell'ano, del retto e di altre aree correlate, quali bacino, coccige, inguine e colonna lombare.

Il dolore nei glutei può verificarsi in tutti. Il dolore nei glutei si manifesta in diversi modi: alcuni pazienti lamentano dolore pressante, altri - intorpidimento, formicolio o bruciore. A seconda della causa, il dolore nei glutei può iniziare improvvisamente e scomparire rapidamente. Questo accade, ad esempio, con un livido a causa di un trauma leggero. Il dolore nel gluteo può anche intensificarsi nel tempo e verificarsi periodicamente. Un quadro simile si osserva con la sciatica.

Alcune cause di dolore nel gluteo possono essere piuttosto gravi o portare a gravi complicazioni. Cercare assistenza medica urgente se si verifica un dolore inspiegabile nel gluteo. Se, dopo una caduta, senti dolore acuto al taglio nei glutei, nelle cosce o nella parte bassa della schiena e non riesci a camminare, chiama immediatamente un'ambulanza.

sintomi

Il dolore nei glutei può essere accompagnato da una serie di altri sintomi che variano ampiamente a seconda della causa principale del dolore. Ulteriori sintomi che possono verificarsi in parallelo con il dolore nel gluteo includono:

  • ecchimosi;
  • limitazione del movimento nella parte bassa della schiena o dell'anca;
  • zoppia;
  • dolore alla colonna vertebrale lombare;
  • debolezza muscolare e intorpidimento;
  • dolore, bruciore o rigidità alle cosce, alle gambe o all'inguine;
  • infiammazione e gonfiore;
  • disturbo della sensazione sotto forma di calore o bruciore.

I sintomi che possono indicare seri problemi di salute

In alcuni casi, il dolore al gluteo può verificarsi insieme ad altri sintomi che indicano una condizione grave o addirittura pericolosa per la vita, la cui gravità deve essere immediatamente valutata dagli specialisti dell'ambulanza. Chiama un'ambulanza immediatamente se hai uno dei seguenti sintomi:

  • feci sanguinolente o sanguinamento intestinale pesante;
  • incapacità di camminare o debolezza nelle gambe;
  • debolezza alla gamba o alla coscia, paralisi.

Cosa causa dolore al gluteo?

Il dolore nei glutei può essere causato da molti fattori. Ad esempio, sedersi a lungo in posizione seduta può causare intorpidimento nei glutei. Un'eccessiva attività fisica può portare ad un doloroso allungamento dei legamenti e allo stiramento dei muscoli glutei.

Il dolore nel gluteo può anche svilupparsi a seguito di altre lesioni, oltre ad essere associato a determinate patologie, malattie e condizioni che coprono direttamente i glutei o altre aree adiacenti, come bacino, coccige, coscia, parte superiore della gamba o parte bassa della schiena. Il dolore ai glutei causato da patologie o malattie della colonna vertebrale e altre strutture è chiamato dolore "riflesso".

La causa più comune di dolore nel gluteo. La condizione è associata alla violazione del nervo sciatico, che attraversa lo spessore dei muscoli della regione glutea. Spesso accompagnato da dolore nella parte bassa della schiena, anca, gamba e piede. Il dolore è più spesso unilaterale e può essere molto intenso. Spesso, invece della diagnosi corretta, viene posta la sindrome del muscolo a forma di pera, la cui esistenza è discutibile. In questo caso, il trattamento procede lungo il percorso sbagliato e la condizione peggiora gradualmente, l'ernia intervertebrale cresce e aumenta la probabilità di invalidità vertebrale. La scomparsa del dolore in un'ernia lombare non è sempre un sintomo positivo, poiché il dolore può scendere sulla gamba e andare nel piede, che è un segno della progressione della malattia.

  • Cause traumatiche di dolore nei glutei

    Il dolore al gluteo può essere causato da lesioni o lesioni derivanti da un incidente, alcuni tipi di attività o esercizio fisico. Questi motivi includono:

    • una frattura o dislocazione, come il coccige, la coscia, il bacino, la colonna lombare o il femore;
    • lesioni, abrasioni o lacerazioni di glutei, fianchi o area rettale;
    • spasmi muscolari nei muscoli glutei;
    • legamenti slogati o strappati nella spina dorsale o lombare;
    • tendini o muscoli stirati o lacerati nell'inguine, nella parte bassa della schiena e nel tendine del ginocchio;
    • tendinite (infiammazione del tendine).
  • Altre malattie e condizioni che causano dolore nel gluteo

    Il dolore nei glutei può anche essere causato da malattie, disturbi o altre condizioni, tra cui:

    • Ascesso anale (un ascesso infetto pus situato vicino all'ano);
    • ragade anale (piccola fessura dolorosa nell'ano);
    • artrite dell'anca;
    • cancro delle ossa pelviche;
    • borsite (infiammazione del sacco sinoviale che protegge l'articolazione). La borsite può essere causata da sedersi per un lungo periodo di tempo su una superficie dura;
    • sindrome da compressione, a seguito della quale l'afflusso di sangue ai nervi e ai muscoli è disturbato;
    • fibromialgia (una condizione cronica che provoca dolore, rigidità o indolenzimento nei muscoli, nei tendini e nelle articolazioni;
    • emorroidi (vene infiammate gonfie nell'ano o nel retto);
    • cisti pilonidale (un sacco molle che si forma sul coccige ed è ulteriormente infetto e riempito di pus);
    • sindrome piriforme (dolore, formicolio o intorpidimento dei glutei causato da infiammazione del nervo sciatico);
    • sciatica (bruciore, dolore lancinante delle natiche lungo la parte posteriore della gamba, causato dal pizzicamento della radice nervosa nella malattia degenerativa dei dischi nella colonna lombare, nell'ernia intervertebrale o nella protrusione, nei tumori, nelle infezioni);
    • herpes zoster (una malattia dolorosa causata dal virus della varicella);
    • restringimento (stenosi) del canale spinale.

  • Diagnosi del dolore nel gluteo

    La diagnosi della causa principale del dolore nei glutei inizia con una visita dal medico. Il medico fa una storia della malattia e conduce l'esame.

    A scopo diagnostico, il medico può porre le seguenti domande:

    • in quale parte dei glutei senti dolore o disagio?
    • quando è iniziato il dolore?
    • quanto dura il dolore?
    • Quali azioni causano dolore o aumentano i sintomi?
    • Hai altri sintomi?

    Dopo aver raccolto l'anamnesi e l'esame, il medico può indirizzarti per ulteriori esami. Se si sospetta un'ernia intervertebrale o altre malattie della colonna lombare, il medico può raccomandare la risonanza magnetica (MRI) o altri esami radiologici. Attualmente, il gold standard per la diagnosi delle malattie della colonna vertebrale è una risonanza magnetica. Con l'aiuto della risonanza magnetica, è possibile valutare le condizioni di tutte le strutture della colonna vertebrale: ossa, cartilagine, legamenti, tendini e muscoli.

    Trattamento del dolore nel gluteo

    Il trattamento del dolore nel gluteo è direttamente correlato alla causa dei sintomi del dolore. Nei casi di malattie spinali, nella maggior parte dei casi viene effettuato un trattamento conservativo, inclusi terapia fisica, massaggi, trazione spinale, ecc. Raramente, i pazienti con grandi ernie intervertebrali o sintomi minacciosi (debolezza alla gamba, "rilassamento" del piede, intorpidimento dell'area inguinale, perdita di controllo sulla minzione e defecazione) mostrano un intervento chirurgico.

    Possibili complicanze del dolore nei glutei

    Le complicazioni del dolore nei glutei variano a seconda della causa alla radice. Il dolore nei glutei, causato da un leggero stiramento, di solito risponde bene al trattamento domiciliare (riposo, messa in ghiaccio).

    In alcuni casi, il dolore non trattato nei glutei causato da condizioni gravi, come una frattura vertebrale o una frattura dell'anca, può portare a complicanze. È possibile ridurre al minimo il rischio di gravi complicazioni seguendo un piano di trattamento redatto da un medico.

    Complicazioni del dolore non trattato nella regione gluteo sono:

    • dolore cronico;
    • disabilità;
    • ridotta qualità della vita;
    • limitazione di movimento, debolezza e paralisi alle gambe, alla zona lombare e ai fianchi.

    Puoi consultare un neurologo in una delle nostre cliniche a Mosca (per i cittadini della Federazione Russa, la consultazione è gratuita).

    Articolo aggiunto a Yandex Webmaster 03.09.2014, 16:27

    Vedi anche

    Siamo nei social network

    Quando copiamo materiali dal nostro sito e li inseriamo su altri siti, richiediamo che ogni materiale sia accompagnato da un collegamento ipertestuale attivo al nostro sito:

    Dolore alla coscia, ai fianchi. Dolore all'inguine o ai glutei

    Il dolore ai fianchi e ai glutei di solito causa:

    1. Osteoartrosi dell'articolazione dell'anca - coxartrosi
    2. Necrosi asettica della testa del femore - infarto dell'articolazione dell'anca, necrosi avascolare
    3. Infiammazione dei tendini femorali - trocanterite
    4. Sindrome del muscolo della pera con danni alla colonna lombare
    5. Artrite - infiammazione delle articolazioni

    1. Osteoartrosi dell'articolazione dell'anca (coxartrosi).

    Osteoartrosi dell'articolazione dell'anca (coxartrosi) - questa diagnosi viene fatta molto spesso. Molto più spesso del necessario. Quando un paziente visita un medico per il dolore all'anca, in almeno la metà dei casi gli verrà diagnosticata una coxartrosi - artrosi dell'articolazione dell'anca. Fortunatamente, infatti, la coxartrosi è meno comune. I medici competenti sanno che tra coloro che hanno presentato domanda per il dolore alle cosce, i pazienti con coxartrosi rappresentano circa il 25-30%.

    La coxartrosi di solito si manifesta dopo 40 anni, un po 'più spesso nelle donne che negli uomini. La malattia può interessare entrambe le articolazioni dell'anca e entrambe. Di regola, la coxartrosi si sviluppa lentamente, per 1-3 anni. Anche se ci sono delle eccezioni - a volte, dopo un infortunio, un sovraccarico o un forte dolore senza nervi, il dolore cresce abbastanza velocemente, nel giro di giorni o settimane.

    Un sintomo distintivo della coxartrosi è il dolore all'inguine, che si irradia dalla parte anteriore e laterale della coscia. A volte questi dolori si diffondono sul gluteo o danno al ginocchio. Il dolore si verifica principalmente quando si cammina e quando si tenta di alzarsi da una sedia o da un letto. A riposo, si abbassano quasi sempre.

    Un altro sintomo distintivo della coxartrosi è la restrizione della mobilità della gamba interessata. È difficile per un malato spostare la gamba di lato, è difficile tirare la gamba verso il petto; difficile da indossare calze o scarpe. È improbabile che una persona malata possa sedersi su una sedia "a cavallo", con le gambe divaricate, o lo farà con molta difficoltà. La gamba quasi cessa di ruotare (dalla coscia) a destra-sinistra o ruota a causa dei movimenti della vita.
    Maggiori informazioni sull'artrosi delle articolazioni dell'anca >>>

    2. Necrosi asettica della testa del femore

    La necrosi asettica della testa del femore (infarto dell'articolazione dell'anca, necrosi avascolare) è pari a circa il 5-10% del numero di persone che si sono lamentate del dolore alle cosce.

    I sintomi della necrosi asettica quasi completamente coincidono con i sintomi della coxartrosi, è molto difficile distinguere una malattia da un'altra. Ma a differenza della coxartrosi, la necrosi asettica si sviluppa più spesso rapidamente, nel giro di pochi giorni. Abbastanza spesso, il dolore aumenta al massimo e diventa insopportabile durante i primi due o tre giorni. Inoltre, in molti casi di dolore, il dolore non termina completamente nemmeno a riposo: un dolore alla gamba può logorare una persona quasi tutta la notte. Il resto viene solo all'alba, alle 4-5 ore.

    Un'altra differenza rispetto alla coxartrosi: la necrosi asettica colpisce spesso uomini relativamente giovani, di età compresa tra 20 e 45 anni. Gli uomini sopra i 45 anni soffrono di necrosi asettica molto meno frequentemente. Ancora meno spesso le donne si ammalano (7-8 volte meno spesso degli uomini).
    Maggiori informazioni sulla necrosi asettica >>>

    3. Infiammazione dei tendini femorali - trocanterite

    Infiammazione dei tendini femorali (trocanterite): questa malattia si verifica molto spesso - circa il 25-30% del numero di persone che hanno fatto domanda per il dolore ai fianchi.

    La trocanterite può essere unilaterale, quando una gamba si ammala o bilaterale, quando i tendini femorali si infiammano su entrambe le gambe contemporaneamente. Le donne si ammalano molto più spesso degli uomini e il picco di morbilità cade nel periodo di ristrutturazione climaterica del corpo quando il tendine e il tessuto muscolare si indeboliscono. Anche se ci sono casi in cui le giovani donne si ammalano di trocanterite.
    La malattia di solito si sviluppa abbastanza rapidamente, entro 3-15 giorni. La trocanterite si manifesta con attacchi di dolore sulla superficie esterna della coscia (la regione dei "pantaloni").

    Il dolore si verifica più spesso quando si cammina o si trova sul lato doloroso. Il dolore fin dall'inizio può essere piuttosto intenso, ma a differenza della coxartrosi con trocanterite, non vi è alcun accorciamento della gamba e non vi è alcuna limitazione del movimento nell'articolazione dell'anca. La gamba può essere facilmente messa da parte e ruota liberamente in tutte le direzioni. A differenza di una persona che soffre di coxartrosi, una persona che soffre di trochanteritis può liberamente mettere le gambe in piedi, senza alcuna difficoltà a legare le sue stringhe, è in grado di sedersi "a cavalcioni" su una sedia, con le gambe divaricate.
    Maggiori informazioni sull'infiammazione del tendine femorale >>>

    4. Sindrome muscolare a forma di pera

    Sindrome del muscolo della pera con danni alla colonna lombare. Succede molto spesso - circa il 30-40% del numero ha fatto appello al dolore alla coscia.

    La malattia è più spesso unilaterale (destra o sinistra). Il dolore cresce rapidamente, più spesso in 1-3 giorni, dopo un movimento senza successo, sollevamento pesi o una forte esperienza emotiva, stress. In alcuni casi, l'attacco è preceduto da mal di schiena acuto o cronico. La più grande intensità di dolore nella sindrome del muscolo a forma di pera è osservata nell'area dei glutei; allo stesso tempo il sacro e un lombo possono ferire; in alcuni casi, il dolore può cadere lungo la parte posteriore del piede, fino al tallone. Contrariamente alla coxartrosi, il dolore si trasmette molto raramente all'inguine e, in ogni caso, nella sindrome del muscolo a forma di pera, il dolore nel gluteo sarà molto più forte del dolore all'inguine.

    Il dolore al gluteo può essere gravemente espresso sia durante il giorno che durante la notte. A volte è difficile per un paziente trovare una posizione comoda nella prima metà della notte, ea volte una persona malata si sveglia dal dolore alle 3-4 del mattino. Tuttavia, metà dei pazienti ha dolore solo durante i movimenti e durante la deambulazione. Allo stesso tempo, non vi è alcuna restrizione di movimento nell'articolazione dell'anca quando la gamba ruota: la gamba ruota completamente. Ma spesso c'è un forte dolore alla zona lombare o nella zona glutea quando si cerca di sollevare una gamba raddrizzata o piegarsi in avanti mentre si sta in piedi con le gambe dritte.
    La causa della sindrome del muscolo della pera è un danno alla colonna lombare >>>

    5. polimialgia reumatica

    La polimialgia reumatica è piuttosto rara - circa l'1% del numero che ha fatto domanda per il dolore ai fianchi. Le donne over 50 hanno maggiori probabilità di ammalarsi. Nel 70-80% dei casi, la malattia inizia dopo uno stress grave o grave (influenza).

    La malattia si sviluppa abbastanza rapidamente, entro 3-20 giorni. Di norma, i primi sintomi della malattia sono pronunciati simmetrici (cioè, identici a destra e sinistra) rigidità e dolore alle cosce (il dolore non cade al di sotto delle ginocchia) e dolori di contrasto nelle articolazioni della spalla. Il dolore è accompagnato dall'incredibile debolezza dei malati. Tali pazienti vengono portati dal medico letteralmente "sotto le braccia", ma non a causa del dolore, ma proprio a causa della debolezza. È incredibile la debolezza è un punto chiave nella diagnosi. Spesso, debolezza e dolore nella polimialgia reumatica sono accompagnati da una diminuzione dell'appetito, perdita di peso e un aumento della temperatura corporea.
    Maggiori informazioni sulla polimialgia reumatica >>>

    6. Artrite - infiammazione delle articolazioni

    L'artrite è circa il 2-4% di coloro che lamentano dolore ai fianchi. Alcuni tipi di artrite portano a infiammazioni delle articolazioni dell'anca e, rispettivamente, accompagnate da dolore all'inguine o alle cosce. E anche se questo accade abbastanza raramente, dobbiamo ricordarlo.

    Nei casi più tipici, le articolazioni dell'anca sono affette da artrite quasi non meno importante, molto più tardi rispetto ad altre articolazioni. Quindi la diagnosi differenziale tra artrite e, ad esempio, la coxartrosi non è difficile - perché al momento dell'infiammazione delle articolazioni dell'anca, il paziente di solito sa già di avere l'artrite e molto spesso sa quale.

    Tuttavia, in alcuni tipi di spondilite anchilosante e in alcune rare varianti dell'artrite reattiva, l'infiammazione delle articolazioni dell'anca può essere anteriore a altre manifestazioni della malattia o può essere l'unico sintomo della malattia. E poi è molto difficile fare una diagnosi corretta - tale infiammazione delle articolazioni dell'anca è molto facilmente scambiata per l'artrosi. In questi casi, anche un medico competente può commettere un errore.

    Ma ancora ci sono alcuni segni "speciali" che permettono di distinguere l'infiammazione artritica delle articolazioni dell'anca da altre malattie delle cosce e, in primo luogo, dalla coxartrosi. Il principale segnale di pericolo che può indicare la natura artritica dell'infiammazione delle articolazioni è la rigidità mattutina e il dolore su tutto il corpo e le articolazioni, che si verificano immediatamente dopo il risveglio e quindi nel giro di un'ora o durante la prima metà della giornata. Tale rigidità è caratteristica delle malattie infiammatorie delle articolazioni, principalmente per la spondilite anchilosante e l'artrite reumatoide.

    In secondo luogo, contrariamente alla coxartrosi, il dolore da artrite di solito raggiunge la massima intensità durante la notte, intorno alle 3-4 del mattino. L'intensità di tale dolore è molto alta e il dolore non diminuisce da un cambiamento nella posizione del corpo, come nel caso, per esempio, della trocanterite. Quando si muove e si cammina, il dolore, a differenza dell'artrosi, al contrario, molto spesso diminuisce piuttosto che aumenti. Alla sera, dopo che la persona malata è "dispersa", i dolori possono scomparire del tutto, al fine di divampare con una nuova forza di notte, al mattino.

    Un indizio, inoltre, può servire come l'età del paziente. Questi tipi di artrite sono più comuni per i giovani, di età compresa tra 15 e 40 anni. La trocanterite, la polimialgia reumatica e la coxartrosi, con rare eccezioni, iniziano dopo i 40 anni.

    Articolo Dr. Evdokimenko per il libro "Pain in the legs", pubblicato nel 2004. Modificato nel 2012

    Dolore alla coscia e al gluteo

    Il dolore all'anca e al gluteo può essere causato da una vasta gamma di malattie reumatiche, neurologiche, traumatiche, vascolari e infettive. Questo, a sua volta, causa difficoltà nella ricerca diagnostica differenziale.

    Le cause più comuni di dolore alla coscia e al gluteo

    • artrosi delle articolazioni dell'anca.
    • patologia periarticolare (periartrosi...).
    • Quando la colonna vertebrale è coinvolta nel processo S1, il dolore si diffonde lungo la parte posteriore del piede con una transizione al tallone e al bordo esterno del piede alle dita IV-V con intorpidimento in quest'area.
    • Radicolopatia L5 dolore alle vertebre e parestesie sono localizzati sulla superficie laterale esterna della coscia, della tibia e delle prime due dita.
    • La radicolopatia L4 include dolore lungo la superficie anteriore della coscia e della gamba, intorpidimento sulla superficie anteriore del terzo superiore della gamba.
    • Con una lesione nell'area L3, il dolore passa immediatamente dalla superficie laterale del gluteo alla superficie anteriore e mediale della coscia e alla superficie mediale del ginocchio.
    • Radicolopatia relativamente frequente osservata L1. Il dolore si irradia al quadrante del lato superiore delle natiche e dell'area inguinale.
    • Varie varianti di spondilosi (osteoartrosi) della colonna lombare e sacrale (anche in combinazione con disturbi neurologici).

    Un ruolo importante nella formazione delle sindromi dolorose nella coscia e nel gluteo è giocato dalla patologia delle articolazioni sacro-iliache, accompagnata dal dolore al sacro e al gluteo. Il dolore è più pronunciato al mattino, ridotto la sera e dopo aver camminato.

    Nell'origine del dolore nel gluteo occupa un posto speciale la malattia di Bechterew. Un sintomo caratteristico in questo caso è la sacroileite. La sindrome del dolore nella sacroileite spesso appare gradualmente, è di natura smussata, localizzata nell'area dei glutei, può essere di natura intermittente (cioè spostarsi da una parte all'altra) e irradiarsi alle sezioni più vicine della coscia.

    Il valore della patologia periarticolare

    Il dolore nella regione glutea, che si irradia alla gamba, accompagna il più delle volte borsite nell'area del grande trocantere, che è caratterizzata dai seguenti sintomi:

    • Dolore profondo, a volte bruciante prevalentemente sul lato dell'articolazione e della coscia, il dolore aumenta quando si cammina su terreno pianeggiante e accovacciato, in combinazione con zoppia nel 15% dei pazienti;
    • Riduzione del dolore a riposo, ma periodicamente può aumentare di notte, specialmente in posizione supina;
    • Palpazione della tensione muscolare nell'area del grande trocantere.

    La sindrome muscolo-tonica è una causa comune di dolore all'anca e al gluteo: la sindrome del muscolo a forma di pera e del muscolo gluteo spesso accompagnano le malattie degenerative della colonna vertebrale e le malattie delle articolazioni sacro-iliache, l'artrosi secondaria delle articolazioni adiacenti, le fratture patologiche della colonna vertebrale nella colonna lombare. Nella diagnosi dei sintomi miofasciali un ruolo importante è quello di aumentare il livello di fosfatasi alcalina dell'osso.

    Nei pazienti diabetici con iperglicemia incontrollata, può svilupparsi un'amyotrophy diabetica caratterizzata da esordio acuto, dolore unilaterale o bilaterale nei muscoli delle cosce e successiva atrofia. In questa situazione, la diagnosi differenziale viene eseguita con polimialgia reumatica, per la quale lo sviluppo di amiotrofia non è tipico.

    La nevralgia del nervo cutaneo laterale della coscia si manifesta con dolore e parestesia sulla superficie esterna della coscia e parossistica in natura, le parestesie sono aggravate dal camminare in piedi, prolungato, senza alcun sintomo di sorta. La malattia è causata dalla compressione del nervo nella regione iliaca anteriore o sotto il legamento inguinale Le cause della nevralgia da parestesia sono malattie vascolari che interferiscono con la nutrizione del nervo - aterosclerosi, endarterite, vene varicose pelviche o compressione dei nervi delle estremità con eccessiva massa corporea.

    Una delle varietà di neuropatie da tunnel - sindrome da "tasca posteriore" - compressione del nervo sciatico con un portafoglio nella tasca posteriore. Questa sindrome dovrebbe essere sospettata quando i dolori al gluteo e alla parte posteriore della coscia sono presenti senza dolore nella zona lombare. Di solito si sviluppa in persone che siedono in auto per un lungo periodo, ad esempio, i tassisti.

    Con zoppia vascolare sullo sfondo dell'aterosclerosi delle arterie degli arti inferiori, il dolore scompare dopo la cessazione del cammino e non dipende da un cambiamento di postura. Ha una localizzazione predominante del dolore nei polpacci, una diminuzione delle pulsazioni periferiche e l'assenza di sintomi neurologici, disturbi trofici. La stenosi significativa è accompagnata da rumore arterioso, specialmente dopo lo sforzo.

    La zoppia neurogena sullo sfondo della stenosi lombare manifesta dolore severo, parestesie e debolezza nelle gambe quando si cammina.

    Trattamento del dolore dell'anca e dei glutei

    Data la vasta gamma di malattie (principalmente reumatiche), manifestate dal dolore alla coscia e al gluteo, la base delle misure correttive è un'adeguata terapia spersonalizzata e antinfiammatoria. Il trattamento prevede l'uso di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), miorilassanti, condroprotettori.

    Dolore all'anca: cause e metodi di trattamento sottostanti

    Il dolore all'anca è una ragione abbastanza comune per andare da un medico. Molto spesso, i pazienti lamentano un improvviso disagio nell'articolazione dell'anca, che passa anche rapidamente senza alcun intervento. I chirurghi e gli ortopedici di trauma osservano che questo fenomeno non dovrebbe destare preoccupazione se viene osservato per 2-3 giorni. Se la sensazione di dolore continua molto più a lungo, dovresti stare in guardia e sottoporti a una diagnosi completa. Dopotutto, possiamo parlare di seri problemi di salute.

    Spesso i sintomi nell'articolazione dell'anca appaiono sfocati. Di norma, il disagio è avvertito nell'inguine o nella regione pelvica, sebbene i fianchi siano effettivamente dolenti. Le cause di questo spiacevole fenomeno possono essere molto diverse: dallo stiramento muscolare all'infezione del tessuto duro o al cancro. Ma non fatevi prendere dal panico: la quota di lesioni ossee maligne e batteriche rappresenta in media il 2-3% del numero totale di casi. Successivamente, considera brevemente le malattie e le patologie che provocano dolore acuto all'anca.

    artrosi

    Questa malattia causa dolore di diversa natura nella parte superiore della coscia di una o di entrambe le gambe. Molto spesso, la patologia si sviluppa a causa dell'usura eccessiva delle articolazioni dell'anca (TBS). La loro funzionalità diminuisce con l'età e, quindi, nel gruppo a rischio, prevalentemente persone con più di 60 anni. Il deterioramento del tessuto cartilagineo porta al fatto che le articolazioni non riescono più a far fronte al loro scopo principale: l'assorbimento degli urti durante la corsa, la camminata e anche l'attività motoria minima. Questa è la causa del dolore nell'articolazione dell'anca. Il trattamento consentirà di interrompere i processi di degenerazione, tuttavia è impossibile recuperare completamente da questa malattia.

    Si ritiene che l'artrosi sia una malattia correlata all'età che colpisce le articolazioni negli anziani. In realtà, la malattia colpisce sempre più i giovani pazienti, a volte anche tra i 20 ei 35 anni. L'artrosi può causare sensazioni dolorose di varie località. Se i fianchi sono feriti dall'esterno, la probabilità di confermare questa diagnosi è abbastanza alta. Inoltre, l'artrosi è in grado di provocare disagio nella zona dell'articolazione del ginocchio, della regione glutea e lombare.

    Infiammazione del muscolo piriforme

    Questo tipo di patologia viene diagnosticata non meno dell'artrosi. In quasi tutti i casi, i sintomi si manifestano in un solo arto. Nel caso della sindrome del muscolo a forma di pera, i pazienti pongono un'enfasi speciale sul dolore nell'area dei glutei - si "allunga" fino al piede lungo la parte posteriore della coscia. Le articolazioni dell'anca possono far male quando si cammina, anche se il nervo sciatico è pizzicato. Fondamentalmente, questo problema si verifica in pazienti con una storia di altre malattie neurologiche.

    reumatismo

    L'errore principale dei pazienti con questa patologia è l'attitudine incurante ad essa. Molti non considerano questa malattia pericolosa, anche se causa dolore cronico a lungo termine all'anca. Le sensazioni di fastidio si intensificano parallelamente al corso dei processi degenerativi e al danneggiamento del tessuto cartilagineo.

    Poiché l'articolazione dell'anca è un sistema complesso costituito da un enorme numero di elementi (muscoli, ossa, legamenti, cartilagine, borse articolari, ecc.), La gamma di probabili cause di dolore nell'anca è molto ampia. L'infiammazione può svilupparsi in uno qualsiasi dei reparti.

    Ernia intervertebrale

    La formazione all'interno della colonna lombare si manifesta con dolore specifico che si estende alla coscia. Il disagio può essere sentito sul lato, davanti o dietro il piede. Di norma, il dolore all'anca non è l'unico segno di ernia lombare. Il paziente può lamentarsi di intorpidimento delle dita dei piedi, formicolio caratteristico e una sensazione di pesantezza negli arti.

    osteocondrosi

    Spesso la causa dell'ernia intervertebrale, che causa dolore nella zona femorale, viene trascurata dall'osteocondrosi. Allo stesso tempo, i suoi sintomi compaiono già nelle prime fasi dei disturbi distrofici dei dischi intervertebrali. Apparendo nelle regioni lombare o sacrale, la malattia provoca un aumento del dolore. Col passare del tempo, la frequenza di insorgenza di disagio aumenta. Il dolore può irradiarsi alle natiche, diffondersi alla parte posteriore della coscia.

    Lesioni e danni

    Problemi con l'apparato muscolo-legamentoso possono anche causare dolore nella zona femorale. Lo stiramento e il danneggiamento dei tessuti molli, le fratture delle ossa e dell'articolazione dell'anca si fanno sempre sentire, causando dolore nella parte superiore dell'arto. La frattura dell'anca si verifica spesso nelle persone anziane. Il tempo di recupero dei pazienti in età adulta dipende da molti fattori, ma in generale l'osso cresce molto male. La ragione di questo è un debole afflusso di sangue a questa parte del corpo, il che si spiega con il fatto che al momento dell'infortunio diverse importanti vasi si staccano in una volta, il che garantisce il trasporto di ossigeno al collo del femore.

    Altre cause di dolore

    Il disagio può verificarsi non solo sullo sfondo dei processi di cui sopra. A volte la fonte del dolore nell'anca è i difetti alla nascita delle gambe. Cambiamenti patologici nelle articolazioni, comprese le articolazioni dell'anca, possono verificarsi a causa di interruzioni nel metabolismo del corpo.

    Oltre alle lesioni dell'anca e di altre malattie che non rappresentano una minaccia diretta per la vita del paziente, vale la pena di notare tali pericolose malattie degli arti superiori come:

    • cancri e fuochi di metastasi;
    • processi infettivi;
    • stenosi dei vasi sanguigni.

    L'oncologia nell'articolazione dell'anca è un fenomeno raro, ma può ancora causare un forte dolore. Molto più spesso nel tessuto osseo della regione femorale si verificano metastasi. Si verificano principalmente nelle ultime fasi di tumori al seno confermati nelle donne e nella prostata negli uomini.

    Per quanto riguarda le malattie infettive che colpiscono i fianchi, nella maggior parte dei casi l'osteomielite e la tubercolosi ossea implicano. Tali malattie sono abbastanza difficili da determinare nelle fasi iniziali dello sviluppo, ma i seguenti sintomi devono comunque allertare e indurre visite urgenti al medico:

    • zoppia improvvisa;
    • dolore acuto nella parte superiore della coscia;
    • febbre persistente;
    • dolore quando toccato e premuto sulla coscia.

    A volte queste manifestazioni servono come prova delle complicazioni dei processi infettivi degli ascessi urogenitale, pelvico e isociale-rettale.

    La costrizione dei vasi sanguigni, che i medici chiamano stenosi, può anche causare forti dolori all'articolazione dell'anca. Di solito, il disagio aumenta con l'aumento dello sforzo fisico, la camminata prolungata. Oltre alle sensazioni dolorose, i pazienti con stenosi spesso sviluppano zoppie, che spesso ingannano i medici quando fanno una diagnosi.

    sintomi Caratteristiche

    Per chiarire l'eziologia della malattia, non solo le cause del dolore articolare dell'anca sono di fondamentale importanza. Il trattamento della malattia identificata dipenderà principalmente dalla sua gravità e natura, localizzazione delle manifestazioni. In particolare:

    • Il paziente può manifestare sintomi spiacevoli non solo nella coscia, ma anche nelle aree dell'inguine e della zona lombare. Nelle donne, ad esempio, una sindrome simile si verifica durante le mestruazioni.
    • Quando si estendono i muscoli della coscia o una grave lussazione che ha causato il nervo pizzicato, il dolore si diffonde in tutto l'arto, dando alla parte bassa della schiena. Quando si muove, il dolore aumenta.
    • A volte i sintomi sono osservati e a riposo. Ad esempio, sdraiati su un fianco o sulla schiena. Una persona può anche provare intorpidimento nei muscoli delle gambe. Allo stesso tempo, nessun disagio nel paziente si verifica nei momenti di attività motoria.

    Frattura dell'anca, distorsioni e altre lesioni non possono essere trascurate. Con lesioni all'anca, gli specialisti, di regola, non hanno dubbi su ulteriori tattiche di trattamento, che non si possono dire di malattie inspiegabili. Dopotutto, quando si cammina o si riposa, il disagio può essere causato da problemi con l'articolazione dell'anca stessa, lesioni muscolo-tendinee, impropria struttura delle ossa e delle articolazioni del femore e lesioni alle terminazioni nervose. Molto spesso, vene varicose, tromboflebiti e una serie di altre patologie vascolari sono responsabili del dolore nella parte superiore della gamba.

    È ancora più difficile per i medici definire le malattie autoimmuni che interferiscono con la normale elasticità dei vasi delle gambe. Nonostante il fatto che tali malattie vengano diagnosticate raramente, la probabilità della loro conferma non può essere completamente esclusa in nessuno dei casi. Sospette cause vascolari di dolore all'anca dovrebbero verificarsi se:

    • il disagio si fa sentire nella direzione della vena stessa;
    • è un personaggio noioso e noioso;
    • quando si muove il dolore aumenta, lasciando il posto a una pulsazione pronunciata.

    Allo stesso modo, la tromboflebite si manifesta il più delle volte. È caratterizzato da dolore moderato in stato di riposo, ma aggravato quando si cammina. Oltre al dolore nell'arto superiore, il paziente può essere infastidito da febbre persistente, arrossamento femorale e gonfiore.

    Procedure diagnostiche

    Le cause del dolore alle cosce possono essere molto diverse: puoi verificarlo senza troppe difficoltà. Tuttavia, al fine di iniziare il trattamento, è importante trovare lo stesso fattore patologico e stabilire una diagnosi accurata. Un programma di esami completo è sviluppato da specialisti per ciascun paziente individualmente. La localizzazione e la natura del dolore, i sintomi aggiuntivi, l'età di una persona, la presenza di malattie croniche, ecc. Sono presi in considerazione.

    Ad oggi, i metodi diagnostici più informativi per determinare la causa del dolore nell'anca sono:

    • Imaging a risonanza magnetica. Con la frattura dell'anca, questo tipo di studio non è prescritto. Si raccomanda di passare la procedura a pazienti che, oltre al dolore dell'anca, si lamentano del dolore lombare. Esame obbligatorio della colonna vertebrale inferiore e dell'articolazione dell'anca.
    • Vasi sanguigni doppler. Per ottenere una valutazione oggettiva dello stato delle navi delle gambe, questo tipo di ricerca viene effettuata. Con esso, malattie come vene varicose e tromboflebite vengono diagnosticate anche nelle prime fasi.
    • Radiografia e ultrasuoni delle articolazioni dell'anca. Il metodo diagnostico più comune utilizzato dagli specialisti. Grazie alla diagnosi ecografica, i medici hanno l'opportunità di identificare l'artrite, l'artrosi, le lesioni infettive delle ossa e altre patologie dell'articolazione dell'anca.
    • Elettromiografia, la procedura per lo studio dei riflessi tendinei, legamenti e fibre muscolari.
    • Analisi cliniche, di laboratorio e biochimiche.

    Grazie ai risultati della ricerca, gli esperti concludono che esiste un processo infiammatorio nel corpo, che conferma o confuta le cause del dolore all'anca. Cosa fare dopo e quale direzione scegliere, in ogni caso, il medico curante decide. A proposito, chirurghi, traumatologi e flebologi si occupano della diagnosi e del trattamento delle malattie manifestate dal dolore all'anca.

    Metodi di terapia popolari

    Come già accennato, il regime di trattamento viene selezionato individualmente, in base alle caratteristiche e alle cause della malattia. Non appena lo specialista riesce a fare una diagnosi accurata, vengono prescritte misure di trattamento.

    Con una forte sindrome del dolore, la terapia sintomatica è adatta per una persona il cui obiettivo principale è migliorare il benessere e la qualità della vita. Gli analgesici sono usati per eliminare le sensazioni dolorose. L'effetto massimo è dato dai farmaci in forma iniettabile.

    Se la causa del dolore nell'articolazione dell'anca è nell'ernia intervertebrale, la terapia sintomatica è costruita sulla base del blocco novocanico nell'area del nervo sciatico pizzicato.

    A seconda del tipo di malattia, si consiglia di preparare i seguenti gruppi farmacologici per alleviare le condizioni del paziente:

    • Farmaci anti-infiammatori Il loro gruppo non steroideo (Nimesil, Diclofenac, ecc.) Ha ricevuto una distribuzione speciale. I preparati contenenti cortisone sono usati nei casi più gravi.
    • Rilassanti muscolari. Grazie ai farmaci di questa categoria, è possibile rimuovere gli spasmi nei muscoli e nei tendini del paziente, che molto spesso si sviluppa come controreazione del corpo al dolore. Se è provocato da un nervo schiacciato, allora gli spasmi muscolari aggravano la condizione. I rilassanti muscolari agiscono secondo il principio opposto: migliorano la circolazione sanguigna e alleviano il gonfiore.
    • Condroprotettore. Farmaci che sono più spesso utilizzati per prevenire le malattie delle articolazioni e migliorare il trofismo nelle lesioni del processo patologico.
    • Vitamine e complessi minerali. Un corso di preparati contenenti la quantità di macro e microelementi necessari per il corpo aiuta a migliorare il benessere generale, ridurre la gravità della malattia e fermare l'ulteriore sviluppo della patologia. Dopo aver stirato i muscoli della coscia, i complessi vitaminici attivano i processi di recupero nei tessuti.
    • Diuretici. L'assunzione di farmaci in questo gruppo aiuterà ad alleviare l'articolazione dell'anca dal gonfiore, riportarla alla mobilità.

    Oltre al trattamento conservativo, per il dolore all'anca, il medico può prescrivere un corso di terapia manuale, in particolare per pizzicare il nervo sciatico o l'ernia intervertebrale. Per migliorare la circolazione del sangue nella regione pelvica, per sviluppare e rafforzare il sistema muscolare dopo le ferite è in grado di complesso di formazione medica e fisica. Grazie alla ginnastica terapeutica, aumenta la mobilità delle articolazioni, e quindi l'attività fisica della persona nel suo complesso. In alcuni casi, gli esperti raccomandano di sottoporsi a un corso di fisioterapia, nonché a procedure per l'irudoterapia e l'agopuntura.

    Rimedi popolari

    Se un esame ecografico delle articolazioni dell'anca o altre procedure diagnostiche non ha confermato la presenza di alcuna patologia, probabilmente non dovresti preoccuparti. Dal dolore all'anca, che è sorto per la prima volta, contribuirà a liberarsi delle ricette popolari:

    • Comprime di cipolla e pepe. La massa terapeutica viene preparata come segue: prendi mezza tazza di succo di cipolla appena spremuto, aggiungi paprica, attorcigliata con un tritacarne, un paio di cucchiai di succo di piantaggine e di grasso animale (preferibilmente di capra o interno). La pappa risultante viene leggermente riscaldata e sparsa su un punto dolente, avvolgendo la parte superiore con un involucro di plastica e un panno caldo.
    • Lardo di maiale Un sottile strato di questo prodotto viene applicato alla coscia e fissato saldamente con una benda stretta. Dopo un po 'di tempo, la piastra di grasso dovrebbe essere sostituita, poiché tende a diluirsi.
    • Unguento per il riscaldamento della senape. Per preparare questo rimedio casalingo avrai bisogno di un bicchiere di tavolo o di sale marino. Aggiungere 100 g di senape in polvere, diluiti in 100 ml di acqua tiepida. La consistenza della soluzione dovrebbe assomigliare alla crema acida densa. Al momento di coricarsi, il prodotto viene sfregato nel giunto dolente e al mattino viene lavato con acqua tiepida.

    Spesso i medici raccomandano di integrare il trattamento farmacologico con la terapia popolare. Tuttavia, l'uso di rimedi casalinghi da solo come mezzo per sbarazzarsi del dolore all'anca è di solito inefficace. Inoltre, per eliminare il disagio, è particolarmente importante identificare la causa della patologia e neutralizzare il fattore stimolante il prima possibile. In questo caso, è assolutamente necessario consultare un medico: uno specialista effettuerà una diagnosi accurata e selezionerà un regime di trattamento individuale.

    Cosa può parlare di dolore nei glutei?

    Il dolore nel gluteo non è solo spiacevole, ma anche un fenomeno pericoloso che può portare a gravi conseguenze. Ci sono molte ragioni per cui una persona prova un tale disagio. Tra questi vi sono lesioni e patologie di tessuti di una determinata area (pelle, cellulosa, muscoli, nervo sciatico) o malattie di altri organi, in cui il dolore dà al gluteo.

    La sindrome può avere una natura diversa: dolore alla natica sinistra, dolore alla natica destra, su entrambi i lati, irradiamento alla gamba, al bacino o all'addome.

    Ragioni principali

    Ignorare il dolore nel gluteo è impossibile, quindi è importante che una persona ascolti i suoi sentimenti e cerchi di identificare le malattie che li hanno causati.

    È importante notare che è necessario consultare uno specialista per fare una diagnosi accurata e prescrivere un trattamento appropriato.

    Osteocondrosi lombosacrale

    Descrizione della malattia

    È caratterizzato dalla distruzione del tessuto cartilagineo dei dischi intervertebrali, a causa del quale la colonna vertebrale cessa di sostenere il corpo, e il tessuto dei dischi deformati preme sulle terminazioni nervose.

    Natura del dolore

    In questo caso, la persona avverte un fastidioso dolore alla natica quando cammina, un forte sforzo fisico, un brusco movimento in salita, un movimento impacciato e un raffreddore. I seguenti sintomi sono spesso associati alla sindrome del dolore:

    • dolore all'osso sacro e alle cosce;
    • sensazione di sovraccarico dei muscoli glutei e dei muscoli degli arti inferiori;
    • limitando la mobilità degli arti inferiori;
    • diminuzione della sensibilità della pelle.

    Diagnosi e trattamento

    Se si sospetta l'osteocondrosi lombosacrale, il paziente deve rivolgersi a un neurologo che effettuerà un esame, prescriverà un esame a raggi X e una tomografia computerizzata.

    sciatica

    Descrizione della malattia

    Sciatica (sindrome del muscolo a forma di pera, sciatica, nevralgia) è una condizione associata a incarcerazione e infiammazione del nervo sciatico.
    Guarda un video a riguardo

    La sciatica non è una malattia, ma uno dei sintomi che possono essere causati da qualsiasi causa, dall'osteocondrosi all'ipotermia.

    Natura del dolore

    Il dolore in caso di sciatica può essere di natura diversa: dolore insopportabile, debilitante o lieve disagio, ma in ogni caso le sensazioni aumentano con il tempo. Con la sciatica, il disagio si estende su una natica e un arto simmetrico (la sua superficie posteriore), è doloroso per una persona sedersi e stare in piedi a lungo.

    Diagnosi e trattamento

    Per chiarire la diagnosi, il paziente deve contattare uno specialista vertebrologo. Come misure diagnostiche, vengono eseguiti un esame esterno, RM e TC della colonna vertebrale, radiografie, elettroneuromiografia. La terapia è selezionata in base alla causa della malattia (esercizi di fisioterapia per la colonna vertebrale, digitopressione, nei casi difficili - trattamento chirurgico).

    Ernia intervertebrale

    Descrizione della malattia

    L'ernia intervertebrale è il risultato di un'osteocondrosi trascurata, a seguito della quale il disco vertebrale collassa e al suo posto cresce il tessuto fibroso, l'infiammazione e la deposizione di sali di calcio. Il disco deformato irrita i nervi che lo attraversano e attiva sensazioni spiacevoli.

    Natura del dolore

    Il dolore è forte, forte, si avverte solo da destra o da sinistra. Un segno caratteristico di un'ernia intervertebrale è che il disagio inizia nella zona lombare, dopo di che la sindrome del dolore abbandona il gluteo e la parte della coscia della gamba. Successivamente, i seguenti sintomi si uniscono:

    • debolezza negli arti;
    • violazione della sensibilità della pelle sui glutei;
    • pelle d'oca;
    • violazione di minzione e defecazione.

    Diagnosi e trattamento

    L'ernia intervertebrale viene curata da un neurologo o da un ortopedico, ai pazienti viene prescritta una radiografia, TC e risonanza magnetica.

    miosite

    Descrizione della malattia

    La miosite è un processo infiammatorio nei muscoli, derivante da infezioni virali respiratorie acute, malattie autoimmuni, infezioni croniche, ipotermia, lesioni. Ha diverse varietà, ma i glutei di solito fanno male con la miosite ossificante.

    Natura del dolore

    Quando l'infiammazione muscolare avvertiva dolore al gluteo durante la deambulazione, il più delle volte il carattere di contrasto, tirando o piagnucolando.

    Diagnosi e trattamento

    Lo specialista in miosite muscolare viene scelto in base alla causa della malattia: se è una conseguenza di un infortunio, è necessario contattare un traumatologo, se il motivo si trova nelle malattie infettive, è necessario consultare un terapeuta. La tattica del trattamento dipende dallo stadio e dalla negligenza della malattia. Gli agenti anti-infiammatori non steroidei, gli unguenti riscaldanti, l'esercizio terapeutico e il massaggio sono comunemente usati. In alcuni casi (in caso di suppurazione) è necessario un intervento chirurgico.

    Processi infiammatori purulenti

    Descrizione della malattia

    Processi purulenti nei tessuti interni dei glutei possono verificarsi per vari motivi: penetrazione di microrganismi patogeni (di solito stafilococco) in una ferita aperta, ridotta immunità, disturbi metabolici, sovraraffreddamento del corpo, introduzione di sostanze chimiche sotto la pelle.

    1. Ascessi. Cavità piene di pus che sembrano bolle di varie dimensioni.
    2. Cellulite. Infiammazione sottocutanea del tessuto adiposo sotto forma di gonfiore nel sito di lesione.
    3. Bolle. Infiammazioni acute di follicoli piliferi, protocovis sebacei e tessuti circostanti, che sono a forma di cono con contenuto purulento.
    4. Osteomielite. Malattia infiammatoria purulenta che colpisce non solo i tessuti e i muscoli glutei, ma anche le ossa. Questa è una condizione pericolosa per la vita che può portare al coma e alla morte, quindi, al minimo sospetto di malattia, è necessario consultare immediatamente uno specialista.

    Di conseguenza, se è necessario amministrarlo, è necessario contattare operatori sanitari qualificati - ciò minimizzerà il dolore al gluteo e problemi più seri.

    Natura del dolore

    Nelle malattie infiammatorie, il dolore è solitamente acuto, acuto. Il paziente avverte dolore al gluteo quando è seduto e, mentre tocca la zona interessata, il dolore aumenta. Spesso, il paziente ha la febbre, mal di testa, peggioramento del benessere generale.

    Diagnosi e trattamento

    Diagnosi dei processi infiammatori del tessuto coinvolti nel chirurgo. Per fare ciò, è spesso sufficiente che il paziente superi gli esami del sangue (generali, espansi) in modo che il medico possa assicurarsi che l'infezione non entri nel flusso sanguigno. Ascessi, flemmone e bolle sono trattati chirurgicamente, dopo di che alla persona viene prescritta una terapia anti-batterica e riparatrice. L'eccezione è l'osteomielite, che viene trattata esclusivamente in ospedale.

    Se l'ascesso è piccolo e non è accompagnato da febbre e altri sintomi simili, può essere curato a casa. Per fare questo, utilizzare l'unguento ("Levomekol", unguento Vishnevsky, ecc.), Cipolle al forno, foglie fresche di aloe.

    Malattie dell'articolazione dell'anca

    Nelle malattie dell'articolazione dell'anca, la sindrome del dolore può anche essere localizzata o somministrata alla regione glutea. Molto spesso, i glutei si feriscono dopo lesioni o lussazioni, con patologie congenite o acquisite. Inoltre, la causa può essere la deformazione delle malattie che colpiscono la cartilagine e le ossa (artrite, artrosi, coxartrosi, tubercolosi).

    Il dolore nei glutei può anche essere sentito quando il tessuto molle è contuso o sovraccaricato dai muscoli.

    Natura del dolore

    Malattie e lesioni dell'articolazione dell'anca sono caratterizzate da dolore nei glutei e nella regione inguinale che si estende fino alla superficie superiore delle cosce. Il disagio può essere debole o forte, a seconda del grado di danno articolare. Rigidità nei movimenti, zoppia, incapacità a compiere azioni semplici (distendere le gambe, accovacciarsi, ecc.) Possono unirsi alla sindrome del dolore.

    Diagnosi e trattamento

    Reumatologi, traumatologi (se i sintomi erano causati da un trauma) e chirurghi si occupano del trattamento delle malattie delle articolazioni dell'anca. La diagnostica include radiografie, TAC, risonanza magnetica, esami del sangue biochimici, a volte ecografia ed elettroneuromiografia.

    Tumori maligni

    Neoplasie maligne dei glutei si sviluppano nei tessuti molli e più spesso appartengono a sarcomi, carcinoma a cellule basali ea cellule squamose. Inoltre, in presenza di macchie di pigmento e nevi sui glutei, possono degenerare in melanoma.

    Natura del dolore

    Con lo sviluppo di tumori maligni, i glutei possono ferire tutto il tempo, il dolore è cucire o tirare in natura e non scompare anche dopo aver assunto i farmaci appropriati. Successivamente, il dolore inizia a dare alle gambe, alle cosce, al bacino e ai fianchi e sintomi associati a problemi di minzione e defecazione.

    Diagnosi e trattamento

    Se sospetti un tumore maligno dei glutei, dovresti contattare un oncologo il prima possibile. Il paziente riceve una radiografia o un'ecografia dell'area interessata, la tomografia computerizzata, i marcatori tumorali e una biopsia per confermare la diagnosi. Il trattamento comprende chemioterapia, radioterapia, criodistruzione e chirurgia.

    Durante la gravidanza

    Molte donne notano che i loro glutei si feriscono durante la gravidanza e il più delle volte il dolore si nota a 36-40 settimane di gravidanza. La causa di questa condizione è solitamente la compressione dei tronchi nervosi e dei vasi dell'utero in crescita. Al fine di alleviare la condizione, si consiglia alla donna incinta di indossare una benda, evitare uno sforzo fisico pesante e praticare ginnastica speciali per le donne incinte.

    In che caso è necessaria l'assistenza medica di emergenza?

    A volte il dolore nei glutei si verifica insieme a sintomi che possono minacciare la vita di una persona. I sintomi che richiedono attenzione medica immediata includono:

    • febbre alta, confusione o perdita di coscienza;
    • sanguinamento intestinale, comparsa di sangue nelle feci o nelle urine;
    • forte debolezza alle gambe;
    • paralisi di una o entrambe le gambe.

    Pronto soccorso per il dolore nei glutei

    Per alleviare le condizioni del paziente prima di essere consultato da un medico, devono essere prese le seguenti misure:

    • limitare l'attività fisica;
    • adottare una posizione in cui il dolore si sentirà meno;
    • Massaggiare la zona interessata con movimenti leggeri.
    • bere un farmaco anestetico ("Analgin", "Diclofenac", "Ketanov", "Dolar");
    • se il dolore è causato da un livido, applica un impacco freddo sulla zona interessata;
    • se c'è una ferita aperta sulla superficie della pelle, trattarla con un antisettico;
    • se la sindrome del dolore è causata da un'iniezione non professionale, puoi disegnare una rete di iodio sul gluteo o applicare un impacco di alcol;
    • alla presenza di foruncolo o altra istruzione con contenuti purulenti fanno un impacco di unguento di Vishnevsky o un unguento di Ichthyol.

    La diagnosi precoce e il trattamento tempestivo di qualsiasi malattia aumentano significativamente le possibilità di un completo recupero senza complicazioni e conseguenze.

    Facci una domanda nei commenti qui sottoFai una domanda >>

    Altri Articoli Su Piedi