Verruche

Artrite Trattamento della caviglia

Le caviglie sono sottoposte a un carico speciale: devono sopportare il peso di tutto il corpo ed essere costantemente in movimento. Questa è una delle articolazioni più insostituibili del nostro corpo, poiché il minimo disagio in esse limita la capacità di camminare. Di conseguenza, l'infiammazione cronica in quest'area può essere non solo un problema medico, ma anche sociale. Pertanto, se vi è il sospetto che si sviluppi l'artrite dell'articolazione della caviglia, non ritardare il trattamento e la visita dal medico.

Cause della malattia

I sintomi di infiammazione della caviglia dipendono dalla patologia sottostante (che ha causato questo problema). Ma dal momento che la malattia ha una natura infiammatoria, ci sono sempre un numero di sintomi comuni caratteristici di tutte le forme di artrite:

  • Dolore in una o entrambe le caviglie.
  • Gonfiore. Può essere visto se si preme il dito sulla zona della caviglia: con l'edema, un buco rimarrà nel punto di pressione.
  • Rossore e aumento della temperatura della pelle sulla zona interessata.
  • Mobilità articolare ristretta, difficoltà a camminare.
  • Sintomi comuni di infiammazione: febbre, debolezza, malessere.

Le difficoltà nel camminare causano particolari sofferenze ai pazienti e, spesso, questo è ciò che li costringe a consultare un medico.

L'insorgenza della malattia può essere acuta o graduale. Nelle prime fasi dell'artrite, i sintomi caratteristici sono talvolta assenti e si può sospettare l'infiammazione della caviglia dai seguenti due segni:

Dolore con ampiezza massima di flessione ed estensione nell'articolazione. Per verificarlo, prendi il piede tra le mani e piegalo il più lontano possibile nella direzione della parte inferiore della gamba, quindi raddrizzalo nella direzione opposta.

Costrizione quando si indossa e si mette le scarpe. Se noti che gli scarponi o le scarpe si sono ristretti per te nella zona della caviglia, probabilmente c'è un leggero gonfiore.

Come con qualsiasi infiammazione, l'artrite della caviglia può essere acuta o cronica. Nelle forme croniche, se non esiste un trattamento adeguato, nel corso di 1-2 anni, può verificarsi la completa distruzione della cartilagine articolare. Allo stesso tempo, la deformazione e l'ispessimento visibile della caviglia si sviluppano, il piede assume una posizione innaturale, la flessione nell'articolazione e la camminata indipendente sono estremamente difficili o impossibili. Atrofia ben evidente dei muscoli della gamba.

Nella foto uno dei sintomi: arrossamento della pelle sulla zona interessata

Diagnosi dell'artrite alla caviglia

Per il medico, la correttezza della diagnosi gioca un ruolo cruciale, dal momento che i sintomi dell'artrite della caviglia hanno una serie di caratteristiche comuni con altre patologie simili nelle manifestazioni. Ad esempio, non è facile distinguere l'artrite cronica da artrosi o artropatia * e spesso queste malattie sono presenti contemporaneamente. Pertanto, se ti ritrovi ad avere i sintomi sopra descritti, affrettati a fare il test rapidamente. Ecco i metodi diagnostici che sono comunemente usati nella pratica artrologica.

* L'artropatia è una malattia secondaria dell'articolazione. Cioè, non è indipendente, altre importanti patologie lo portano.

  • Prove generali di sangue e urine. Poiché il corpo reagisce a qualsiasi processo infiammatorio, il medico sarà in grado di vedere i cambiamenti nella composizione dei fluidi biologici caratteristici dell'una o dell'altra forma della malattia. Tuttavia, è impossibile determinare l'area del processo infiammatorio.
  • Un esame del sangue immunologico mostrerà la presenza di anticorpi verso un particolare agente patogeno nel sangue. Ciò aiuterà il medico a scegliere le giuste tattiche della terapia farmacologica.
  • L'analisi biochimica del sangue viene eseguita per misurare la concentrazione nel sangue di varie sostanze chimiche che si formano nel corpo durante la vita. Ad esempio, nell'artrite, questa analisi aiuterà a identificare specifici marcatori e quindi a distinguere l'artrite dell'articolazione della caviglia dall'artrosi o dall'artropatia.
  • Una fotografia a raggi X di un'articolazione dell'artrite alla caviglia differirà in modo significativo dall'immagine di altre patologie. Nel processo infiammatorio, la cavità articolare viene riempita con fluido o pus e, pertanto, la superficie delle ossa articolate sarà leggermente distante l'una dall'altra. Tuttavia, questo metodo ha degli inconvenienti perché non consente di vedere legamenti e tessuti molli.
  • La risonanza magnetica è un metodo più informativo rispetto ai raggi X. Consente di rilevare la minima deviazione dalla norma, i cambiamenti nei legamenti, la cartilagine articolare e altre importanti strutture dell'articolazione. Il metodo è molto informativo.
  • La tomografia computerizzata (CT) è anche un metodo popolare e abbastanza informativo di radiografie di livello. Se il paziente è controindicato per l'esame mediante risonanza magnetica, la TC è un'opzione alternativa.
  • Ultrasuoni - esame ecografico della caviglia. Permette di vedere i cambiamenti nei tessuti molli e nella cavità articolare. Tuttavia, il risultato sarà in grado di valutare correttamente solo uno specialista qualificato.
  • Artroscopia: diagnosi e trattamento allo stesso tempo. Questa è un'operazione chirurgica eseguita utilizzando strumenti ottici miniaturizzati che vengono inseriti nella cavità articolare. Il medico può esaminare l'articolazione dall'interno, rimuovere il fluido infiammatorio da esso, interrompere il sanguinamento, ecc.

trattamento

Con ogni forma della malattia artrite, acuta o cronica - le sue tattiche di terapia. Come trattare l'artrite della caviglia in forma acuta?

  • Prima di tutto - per fornire alle articolazioni irritate pace e calore. Al paziente viene assegnato il riposo a letto.
  • Infezioni e infiammazioni aiutano a trattare gli antibiotici. La sensibilità a un tipo specifico di farmaco è determinata individualmente sulla base di un sondaggio.
  • Per alleviare il disagio, vengono prescritti antidolorifici, che il paziente riceve sotto forma di iniezioni, compresse, unguenti e creme.
  • Il medico prescrive farmaci riparatori, antipiretici e altri, a seconda delle condizioni generali e della malattia di base, se la caviglia è la sua manifestazione o complicazione.

L'artrite cronica della caviglia dovrebbe essere trattata sistematicamente e in modo completo:

  • Una dieta che migliora l'apporto di sostanze nutritive alle ossa e ai tessuti cartilaginei. Alimenti molto utili che contengono grassi insaturi (pesce rosso), vitamine (verdure, frutta e verdura) e collagene (pollame, pesce). Evitare piatti di carne grassi, spezie e sale in eccesso.
  • Condroprotettore di ricezione - farmaci che migliorano i processi metabolici nel tessuto cartilagineo.
  • Massaggio e ginnastica. In nessun caso non bisogna trascurare questi strumenti, perché consentono di mantenere la mobilità della caviglia in pieno.
  • Trattamento termale - fangoterapia terapeutica, riscaldamento profondo, bagni terapeutici e idromassaggio possono ritardare in modo permanente l'inizio della successiva esacerbazione.

È necessario capire che in ogni trattamento non c'è nulla di più o meno importante. Ciò che conta davvero è che la terapia avvenga regolarmente e sotto la supervisione di uno specialista professionista. Allora sarà possibile evitare conseguenze gravi e irreparabili che possono avere un impatto molto negativo sulla qualità della tua vita.

Artropatia della caviglia

Artrite reattiva ICD 10 e storia

Oggi, l'artrite reattiva (ReA) è una delle più comuni diagnosi reumatologiche. Di norma, questo concetto significa artrite, che non soddisfa gli indicatori diagnostici della forma reumatoide o gottosa e non è accompagnato da specifici sintomi extra-articolari caratteristici delle malattie reumatiche sistemiche. Secondo l'attuale ICD, l'artrite reattiva è un gruppo di malattie con disturbi simili del sistema muscolo-scheletrico. E sebbene non sia la più difficile, ma indubbiamente una delle più comuni malattie reumatiche, gli specialisti non riescono ancora a decidere un'opinione comune sugli approcci al trattamento.

  • Case history
  • Video correlati

Come indicato nell'ICD 10, l'artrite reattiva ha la seguente classificazione:

  1. Artropatia reattiva (codice M02).
  2. Artropatia dovuta all'imposizione di shunt intestinale (codice M02.0).
  3. Artropatia postdinziaria (codice M02.1).
  4. Artropatia postimmunizzazione (codice M02.2).
  5. Malattia di Reiter (codice M02.3).
  6. Altre artropatie (codice M02.8).
  7. Artropatia reattiva, non specificata (codice M02.9).

L'eziologia di ReA è ancora sconosciuta. Si ritiene che la base dell'artrite reattiva, la cui fotografia non provoca le emozioni più piacevoli, sia la patologia geneticamente determinata del sistema immunitario (la malattia viene diagnosticata 50 volte più spesso nelle persone portatrici dell'antigene di istocompatibilità HLA-B27), che progredisce se infettata da alcuni microrganismi.

Case history

Ogni caso clinico, in cui l'artrite reattiva è la diagnosi principale, contiene sintomi quasi identici. Quindi, nella maggior parte dei pazienti con ReA, si osserva il seguente quadro clinico:

  • sindrome articolare caratteristica (oligoartrite asimmetrica con lesioni alle articolazioni delle gambe e tenosinovite, dolore e rigidità nella zona di attaccamento dei muscoli, legamenti e tendini, difficoltà a camminare);
  • sintomi dell'infezione urogenitale (dolore nell'addome inferiore, secrezione purulenta dalla vagina o dall'uretra, disuria);
  • lesioni extraarticolari (irritazione oculare, fotofobia, psiriaziformis, distrofia ungueale, lingua geografica);
  • lesioni spinali (in genere sacroileite);
  • lesioni viscerali (proteinuria, microembruria, leucocitopatia asettica, tachicardia, anomalie ECG);
  • risposta infiammatoria sistemica (malessere, stanchezza, perdita di peso, aumento della VES).
  • Per determinare quale tipo di artrite reattiva (codice ICD 10), i pazienti sottoposti a un esame diagnostico obbligatorio, che comprende esami generali del sangue e delle urine, test della coltura urogenitale, test di funzionalità renale e epatica, HLA-B27, radiografia delle articolazioni colpite, esame oftalmologico, ECG, ecocardiogramma, test per escludere altre malattie reumatiche.

Il trattamento con ReA viene prescritto singolarmente, ma necessariamente in conformità con l'ICD 10, passa in due direzioni: terapia antibatterica e trattamento della sindrome articolare. Degli antibiotici sono efficaci l'azitromicina, la doxicilina, l'eritromicina, l'ofloxacina, l'amoxicillina, ecc.. I farmaci antinfiammatori non steroidei, i glucocorticoidi e gli agenti basici sono usati per alleviare la sindrome articolare. I miei pazienti usano uno strumento collaudato, attraverso il quale puoi liberarti del dolore in 2 settimane senza molto sforzo.

Video correlati

Artrite reattiva: sintomi e trattamento della malattia

L'artrite reattiva (artropatia reattiva) è una malattia in cui l'infiammazione di una o più articolazioni (artrite) si sviluppa dopo una recente malattia infettiva.

Navigazione rapida sull'articolo:

Cause di malattia
Sintomi di artrite reattiva
diagnostica
Come distinguere l'artrite reattiva da altre malattie
Trattamento della malattia
Le conseguenze della malattia e la sua prognosi

Le infezioni che causano questa malattia sono solitamente di 3 tipi:

  • infezioni urogenitali (il più delle volte causate da clamidia);
  • infezioni del tratto respiratorio che causano tracheiti, bronchiti e polmoniti (solitamente micoplasma e clamidia sono l'agente causale)
  • infezioni intestinali che causano intossicazione alimentare e altre malattie del tratto gastrointestinale; in questi casi, i microrganismi come la salmonella, la shigella, il clostridia e l'escherichia coli sono responsabili di questi disturbi.

A volte, ma molto meno frequentemente, l'artrite reattiva può verificarsi non solo a causa di infezioni batteriche passate, ma anche dopo malattie virali. In questi casi gli enterovirus, i virus della rosolia, i virus dell'herpes, gli adenovirus e alcuni altri possono diventare i "colpevoli" della malattia.

Cause della malattia: chi e perché si verifica più spesso?

Ogni persona può prendere l'artrite reattiva, ma ci sono gruppi di rischio speciali in cui le probabilità di ammalarsi di artropatia reattiva possono essere aumentate molte volte o anche decine di volte. L'artrite più spesso reattiva si verifica nei giovani uomini, dai 20-25 ai 40 anni; le donne soffrono molto meno.

La probabilità di sviluppare un'artrite reattiva dopo l'infezione sessuale da clamidia è particolarmente alta - dopo di essa, la possibilità di ammalarsi è compresa tra 1 e 3% e dopo avvelenamento da infezione da 1 a 4%. Se sei un uomo, le tue possibilità di contrarre una malattia così difficile sono 10-20 volte più alte che nelle donne!

Inoltre, i genetisti sono stati in grado di isolare un particolare gene, la cui presenza contribuisce anche ad un'alta probabilità di ammalarsi. Questo gene è chiamato HLA-B27. Quelle persone che hanno questo gene sono a rischio di ammalarsi cinquanta (!) Volte più spesso delle persone che non hanno questo gene.

È interessante notare che l'artrite spesso reattiva non deriva dal fatto che i batteri che hanno causato la malattia primaria sono entrati nell'articolazione: a volte l'infiammazione avviene senza batteri, cioè è asettica.

Perché questo accada, gli scienziati non hanno ancora capito completamente, ma si ritiene che la parete cellulare dei batteri - micoplasma e clamidia - sia simile al muro delle cellule di vari organi del nostro corpo (ad esempio le articolazioni), e quindi le cellule immunitarie - i difensori del nostro corpo dalle infezioni - inizino a l'errore di "attaccare il proprio" attaccando le cellule delle articolazioni e delle mucose.

sintomi

I primi sintomi di artrite reattiva compaiono 3-4 settimane dopo l'infezione primaria - cioè, dopo l'insorgenza della clamidia urogenitale, diarrea (diarrea con infezione intestinale) o raffreddore (laringite, bronchite, polmonite).

I primi segni di artrite reattiva sono di solito sintomi abbastanza comuni: febbre (che però è raramente alta), debolezza generale, malessere e talvolta perdita di peso, aumento dei linfonodi (più spesso nella zona inguinale).

Seguendo questo, dolore alle articolazioni, dolori muscolari e mal di schiena, che "danno" ai glutei e alle gambe.

Molto spesso, l'artrite reattiva colpisce le grandi articolazioni delle gambe, con conseguente infiammazione del ginocchio, della caviglia e dell'articolazione dell'alluce. Molto spesso le articolazioni che collegano le ossa del bacino (la cosiddetta sacroileite) sono infiammate.

Inoltre, la più grande articolazione del corpo umano può essere spesso colpita, con conseguente artrite reattiva dell'articolazione dell'anca. Molto meno spesso, l'infiammazione delle articolazioni avviene nelle mani: ma se questo accade, le articolazioni della mano e l'articolazione radiocarpale sono principalmente colpite.

Oltre alle articolazioni stesse, i tendini dei muscoli vicini alle articolazioni malate sono infiammati, così come i sacchi articolari delle dita (di solito le dita dei piedi). Di conseguenza, si verifica un'infiammazione massiccia di molti tessuti del dito - un sintomo grave di questa malattia chiamata dattilite.

In parallelo a questi sintomi, ci sono segni di malattia da altri organi. Prima di tutto si tratta di lesioni agli occhi sotto forma di iridociclite (infiammazione dell'iride), uveite e congiuntivite. E se la congiuntivite è di solito relativamente facile da trasferire sullo sfondo del trattamento, l'infiammazione dell'iride, se tale persona non vede immediatamente un medico, può portare a una significativa riduzione dell'acuità visiva e persino alla cecità!

Un altro gruppo di sintomi e segni di artrite reattiva è un danno alla pelle e alle mucose. Allo stesso tempo sulla pelle e le mucose di vari organi, un gran numero di ulcere - erosioni. Queste piaghe possono verificarsi sulla mucosa della bocca, sulla pelle della testa del pene negli uomini e sulla vulva nelle donne.

Il pericolo non sono nemmeno le piaghe, ma il fatto che un'altra infezione possa "sedersi" e, di conseguenza, si verificheranno infezioni secondarie e nuove complicazioni.

Per quanto riguarda la pelle stessa, quindi con l'artrite reattiva, può verificarsi un sintomo come il cheratoderma - quando gli strati superiori della pelle iniziano a indurirsi più del normale.

Di conseguenza, la pelle diventa più densa di quanto dovrebbe essere, e su esso compaiono varie eruzioni sotto forma di piccole placche e pustole. Spesso allo stesso tempo ci sono anche danni alle unghie - diventano gialle, fragili e possono iniziare a staccarsi e staccarsi.

L'insufficienza cardiaca è il terzo sintomo caratteristico dell'artrite reattiva, che si verifica in ogni decimo paziente con questa malattia insidiosa. Allo stesso tempo, il muscolo cardiaco (miocardite) è infiammato, così come le pareti dell'aorta, l'arteria più importante e grande del corpo umano (aortite).

Le conseguenze di tali sintomi sono molto gravi - dai problemi di conduzione cardiaca con disturbi del ritmo cardiaco allo scompenso cardiaco a causa dell'infiammazione delle pareti dell'aorta e delle valvole cardiache.

Esiste anche una forma speciale di artrite reattiva, in cui le articolazioni sono colpite (con sintomi di artrite e sinovite), gli occhi (sotto forma di congiuntivite o uveite) e l'infiammazione degli organi urinari (sotto forma di uretrite). Questo insieme di sintomi è evidenziato in una malattia separata chiamata Sindrome di Reiter.

Inoltre, il corso dell'artrite reattiva nei bambini ha le sue caratteristiche, quindi un articolo separato è dedicato a loro - Artrite reattiva nei bambini.

Come fa un medico a fare una diagnosi del genere

Esistono determinati criteri in base ai quali si può sospettare l'artrite reattiva. Eccoli:

  • un'infezione del tratto respiratorio, urinario o digerente che si è verificata 3-4 settimane prima della comparsa del dolore alle articolazioni;
  • diverse articolazioni sono interessate, ma in genere non più di 4-5;
  • le articolazioni asimmetriche si ammalano molto spesso;
  • colpisce principalmente le articolazioni delle gambe, soprattutto di grandi dimensioni (ginocchio e fianchi), così come le dita dei piedi.

Come distinguere questa malattia dagli altri (diagnosi differenziale)

Quando il medico fa una diagnosi di artrite reattiva, ha bisogno di distinguere questa malattia da altri disturbi che possono sembrare simili, ma il corso del quale, così come il trattamento, può differire.

Prima di tutto, il medico deve assicurarsi di non avere a che fare con l'artrite reumatoide. Per questo, viene eseguito un esame del sangue di laboratorio per il cosiddetto fattore reumatoide. Con l'artrite reattiva, l'analisi sarà negativa.

Inoltre, questa malattia deve essere distinta dall'infiammazione settica. La differenza è che nell'artrite settica viene solitamente colpita solo un'articolazione, mentre un grande numero di leucociti viene rilevato nel suo fluido articolare, che non è il caso dell'artrite reattiva, e durante i test di laboratorio per i batteri, di solito si determinano i microrganismi che causano l'infiammazione dell'articolazione.

Inoltre, è importante che il medico distingua l'artrite reattiva dall'artrite psoriasica. A tal fine, un artrologo cerca accuratamente la causa dell'infiammazione e controlla se il paziente oi suoi parenti hanno la tendenza a sviluppare la psoriasi.

trattamento

Poiché l'infezione è di solito il fattore scatenante per l'artrite reattiva, uno dei momenti più importanti del trattamento è quello di liberare il corpo da questi agenti infettivi. Quanto bene ciò può essere fatto determinerà il risultato della malattia.

Inoltre, gli antidolorifici sono prescritti per alleviare il dolore alle articolazioni e nei casi gravi della malattia - glucocorticoidi e immunosoppressori.

Il trattamento dell'artrite reattiva viene eseguito su base ambulatoriale, l'ospedalizzazione viene eseguita solo nei casi in cui la diagnosi non è chiara e richiede un monitoraggio costante, così come per manifestazioni molto pronunciate della malattia e una condizione grave generale.

Nota: tutte le seguenti informazioni sotto forma di nomi di farmaci sono fornite esclusivamente a scopo informativo. Non automedicare, può causare danni significativi alla salute e al benessere!

Trattamento antimicrobico

Tale trattamento deve essere effettuato in tutti i pazienti che sono riusciti a identificare il patogeno nelle infezioni intestinali e urogenitali.

Se la malattia è causata da clamidia, la doxiciclina viene solitamente somministrata due volte al giorno per 3 mesi (poiché il trattamento corretto per la clamidia deve essere somministrato per un lungo periodo).

Oltre alla doxiciclina, un medico può prescrivere altri antimicrobici e antibiotici: spiramicina, tetraciclina, azitromicina e alcuni altri.

Antidolorifico per dolori articolari

Per ridurre il dolore articolare nell'artrite reattiva, vengono solitamente prescritti farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) come diclofenac, ibuprofene, naprossene, aceclofenac, meloxicam, indometacina.

Puoi saperne di più su vari farmaci dal gruppo di antidolorifici in questo articolo.

Per i dolori particolarmente gravi nelle articolazioni e nei tendini, quando i FANS non danno l'effetto desiderato, un medico può prescrivere un butadione (fenilbutazone).

Terapia ormonale analgesica con glucocorticoidi

Per i dolori gravi e persistenti che non possono essere alleviati assumendo i rimedi di cui sopra in forma di compresse, può essere prescritta l'applicazione locale di agenti ormonali - la somministrazione intra-articolare di glucocorticoidi, come il prednisone. Tuttavia, per questo è necessario essere completamente sicuri che non vi siano microrganismi infettivi nel liquido articolare e intra-articolare.

Inoltre, occasionalmente i glucocorticoidi sotto forma di prednisolone possono essere prescritti sotto forma di compresse, ma l'efficacia di questo metodo di trattamento non è abbastanza elevata.

Terapia con farmaci che sopprimono il sistema immunitario (immunosoppressori)

Gli immunosoppressori danno un buon effetto nel trattamento della malattia. Ma prima del loro appuntamento, è necessario assicurarsi che il paziente non contenga l'infezione da HIV, dal momento che è assolutamente impossibile prescrivere immunosoppressori a tali pazienti.

Il trattamento viene solitamente eseguito con metatrixato una volta alla settimana oppure l'azatioprina può essere utilizzata in una dose specifica per chilogrammo del peso corporeo del paziente.

Spesso, dopo la scomparsa delle manifestazioni acute dell'artrite reattiva, in questi pazienti è necessaria una terapia di supporto con metatrixato.

Il trattamento delle manifestazioni cutanee nell'artrite di tipo reattivo viene di solito effettuato per via topica - con la prescrizione di farmaci che riducono la cheratinizzazione cutanea eccessiva, nonché con mezzi ormonali (corticosteroidi per via topica).

La sconfitta delle mucose (congiuntivite) di solito non richiede un trattamento speciale e passa per conto proprio. Ma se la malattia è causata dalla clamidia, il trattamento locale viene necessariamente effettuato con l'aiuto di agenti antimicrobici.

L'iridociclite viene trattata somministrando ormoni (corticosteroidi) per via topica.

regime

Nelle prime due settimane di sviluppo dell'artrite reattiva, è auspicabile limitare l'attività nelle articolazioni colpite - questo permette, tra le altre cose, di ridurre l'intensità del dolore. Tuttavia, quando il trattamento e il recupero avvengono, è importante sottolineare le articolazioni in modo che in seguito non si verifichino contratture e rigidità articolare.

Le conseguenze della malattia e la sua prognosi

La durata dell'artrite reattiva, a seconda della gravità dei sintomi, del tempo di inizio del trattamento e di altri fattori può variare da alcune settimane a diversi mesi, e anche fino a un anno con forme prolungate della malattia.

Quando il trattamento viene avviato in tempo, l'artrite reattiva più spesso finisce nel recupero. Tuttavia, rimane la probabilità di ri-sviluppo dell'artrite reattiva, se una persona viene nuovamente infettata da questa infezione o se si aggrava.

In alcuni casi, quando il sistema immunitario fallisce, può verificarsi artropatia cronica di tipo reattivo (solitamente clamidia), in cui gli antibiotici possono essere inefficaci. In questi casi, i farmaci immunomodulatori sono prescritti sotto la stretta supervisione di un medico.

Prevenzione delle malattie

Attualmente, la prevenzione specifica dell'artrite reattiva non è stata sviluppata. Tuttavia, si ritiene che se la malattia è causata da clamidia, l'inizio precoce del trattamento antibiotico può ridurre significativamente il tempo del trattamento successivo e ridurre il numero di sintomi, fino alla loro completa assenza.

Curare l'artrosi senza farmaci? È possibile!

Ottieni il libro gratis "17 ricette per piatti gustosi ed economici per la salute della colonna vertebrale e delle articolazioni" e inizia a recuperare senza sforzo!

Protrusione discale spondiloartrosi L5 sacroileite

Sono stato malato per un anno e mezzo, il trattamento aiuta per circa il 20 percento, ma la schiena è costantemente dolorante, dà alla gamba sinistra, mi fa male camminare e quindi cammino con un bastone. Protrusione discale spondiloartrosi L5 sacroileite. Fa male starsene seduto, non posso sollevare pesi, mi fa male stare in piedi. Non appena trattato, blocco e riflessologia e massaggio, mi fa ancora male la schiena, ho il peso in eccesso. Non posso lavorare - vivo con la pensione di mia madre, non mi danno disabilità, ho provato a lavorare come operatore per quattro ore al mese, ho preso una lista malata, rigidità articolare, periodicamente perfora il dolore al sacro mentre cammino, alla sera il dolore aumenta, mi salvi con un unguento per la schiena, ma aiuta un po ' voglio davvero rimbalzare perché ho solo quarant'anni...

Questa malattia è causata da processi infiammatori nelle faccette articolari, cioè i bracci intervertebrali che collegano le vertebre tra loro. Questo può spesso essere il risultato dell'osteocondrosi, che causa infiammazione e alterazioni degenerative. C'è un restringimento graduale delle lacune intervertebrali, aumentando la pressione sull'arco della faccetta, causando lo sviluppo della spondiloartro.

Allo stesso tempo, il dolore è localizzato nel sito della lesione e non si irradia in altre parti del corpo. La manifestazione del dolore radiante può verificarsi, come conseguenza dell'artropatia della faccetta, con la formazione di escrescenze ossee che causano stenosi del canale spinale o compressione (spremitura) delle radici nervose. Tale patologia viene trattata con un metodo conservativo e chirurgico.

A giudicare dalla descrizione, i metodi conservativi, nel tuo caso, si sono dimostrati insostenibili. Per rimuovere i sintomi del dolore, è necessario alleviare la pressione delle vertebre e delle terminazioni nervose. Prova la trazione con la scuba o la colonna vertebrale asciutta. Anche se l'effetto sarà ancora temporaneo. Non l'ultimo posto nello sviluppo della tua malattia è sovrappeso.

Cerca di ottenere un appuntamento con un endocrinologo. Non solo un endocrinologo, ma un endocrinologo, un nutrizionista. Passa l'esame necessario, secondo il quale il medico determinerà - cosa è in eccesso e cosa manca nel corpo, e prepara la dieta necessaria. Prendilo sul serio. Eliminando il peso in eccesso, è possibile eseguire il necessario complesso di esercizi terapeutici per combattere la malattia.

È possibile rimuovere completamente i sintomi del dolore per lungo tempo con metodi chirurgici: distruzione della radiofrequenza dei nervi facciali o mediante facectomia, rimozione della faccetta articolare e crescita delle ossa che esercitano pressione sulle terminazioni nervose. Parlate con il vostro medico di un corsetto di sostegno.

Nella medicina moderna ci sono un numero enorme di tipi di operazioni in cui vengono utilizzate strutture metalliche o impianti per stabilizzare la colonna vertebrale.

Nel tuo caso, rompere la catena - peso pignone-peso. Con un peso non ci sarà la schiena sana, con il dolore alla colonna vertebrale non si perderà peso. Movimento: la garanzia della salute.

Altri Articoli Su Piedi