Solette

Akvadetrim - istruzioni ufficiali per l'uso

Numero di registrazione:

П № 014088 / 01-061008
Nome commerciale del farmaco: Akvadetrim

Nome internazionale non proprietario:

Forma di dosaggio:

struttura
1 ml di soluzione (30 gocce) contiene:
Ingredienti attivi
Colecalciferolo (vitamina D3) - 15 000 ME
Sostanze ausiliarie Macrogol gliceril ricinoleato, saccarosio, sodio idrogeno fosfato dodecaidrato, acido citrico monoidrato, aroma di anice (o essenza di anice), alcool di benzina, acqua depurata.

Descrizione.
Liquido incolore, trasparente o leggermente opalescente con odore di anice.

Gruppo farmacoterapeutico
Regolatore del metabolismo del calcio-fosforo.
Codice ATX: A 11 CC 05

Azione farmacologica:
Vitamina D3 è un fattore anti-rachitico attivo. La funzione più importante della vitamina D3 è la regolazione del metabolismo del calcio e del fosfato, che contribuisce alla corretta mineralizzazione e alla crescita dello scheletro.
Vitamina D3 è una forma naturale di vitamina D, che si forma nell'uomo nella pelle sotto l'azione della luce solare. Rispetto alla vitamina D2 è caratterizzato da un'attività superiore del 25%. Il colecalciferolo svolge un ruolo significativo nell'assorbimento di calcio e fosfato dall'intestino, nel trasporto di sali minerali e nel processo di calcificazione del cogey e regola l'escrezione di calcio e fosfato dai reni. La concentrazione di ioni di calcio nel sangue provoca il mantenimento del tono muscolare dei muscoli scheletrici, la funzione miocardica, contribuisce alla conduzione di eccitazione nervosa, regola il processo di coagulazione del sangue. La vitamina D è necessaria per la normale funzione delle ghiandole paratiroidi, è anche coinvolta nel funzionamento del sistema immunitario, influenzando la produzione di linfochine.

La mancanza di vitamina D nel cibo, l'assorbimento alterato, la carenza di calcio e l'insufficiente esposizione alla luce solare, durante il periodo di crescita intensiva del bambino, porta al rachitismo, negli adulti all'osteomalacia; le donne in gravidanza possono manifestare sintomi di tetania, una violazione dei processi di kalidificazione del tessuto osseo dei neonati. L'aumento del bisogno di vitamina D si verifica nelle donne durante la menopausa, perché spesso sviluppano l'osteoporosi, a causa di disturbi ormonali.

Farmacocinetica.
Soluzione acquosa di vitamina D3 assorbito meglio della soluzione oleosa. Nei bambini prematuri, c'è una formazione insufficiente e l'ingresso di bile nell'intestino, che interrompe l'assorbimento delle vitamine sotto forma di soluzioni petrolifere. Dopo somministrazione orale, il colecalciferolo viene assorbito nell'intestino tenue. Metabolizzato nel fegato e nei reni L'emivita di colecalciferolo dal sangue è di diversi giorni e può durare in caso di insufficienza renale. Il farmaco penetra attraverso la barriera placentare nel latte materno. Excreted dai reni e attraverso l'intestino. Vitamina D3 ha la proprietà del cumulo.

Indicazioni per l'uso

Controindicazioni

Periodo di gravidanza e allattamento
La vitamina D non deve essere usata durante la gravidanza.3 in dosi elevate a causa della possibile manifestazione dell'effetto teratogeno in caso di sovradosaggio.
Attenzione dovrebbe essere prescritta vitamina D3 nelle donne che allattano al seno un farmaco assunto in dosi elevate dalla madre, può causare sintomi di sovradosaggio nel bambino.
Durante la gravidanza e la dose di vitamina D per l'allattamento3 non dovrebbe superare i 600 UI al giorno

Dosaggio e somministrazione

  • neonati a tempo pieno a partire da 4 settimane di età, fino a 2-3 anni con cura adeguata e sufficiente esposizione all'aria aperta: 500-1000 ME (1 goccia) al giorno;
  • bambini prematuri, da 4 settimane di vita, gemelli, bambini in condizioni di vita sfavorevoli: 1000-1500 (2-3 gocce) al giorno. In estate, puoi limitare la dose a 500 ME (1 goccia) al giorno.
  • donne in gravidanza: una dose giornaliera di 500 ME di vitamina D3 durante l'intero periodo di gravidanza, o ricevendo 1000 UI / die, a partire dalla 28a settimana di gravidanza.
  • nel periodo postmenopausale, 500-1000 ME (1-2 gocce) al giorno.
  • per rachitismo: ogni giorno 2000 - 5000 ME (4-10 gocce), a seconda della gravità del rachitismo (I, II o III) e del ciclo di trattamento, per 4-6 settimane, sotto attento monitoraggio delle condizioni cliniche e dello studio dei parametri biochimici ( calcio, fosforo, fosfatasi alcalina) sangue e urina. Dovrebbe iniziare con 2000 ME in 3-5 giorni. Quindi, con buona tolleranza, la dose viene aumentata a una singola dose terapeutica (il più delle volte 3000 ME). Una dose di 5000 ME è prescritta solo per i cambiamenti pronunciati delle ossa.
    Se necessario, dopo un'interruzione di una settimana, puoi ripetere il trattamento.
    Il trattamento viene effettuato per ottenere un chiaro effetto terapeutico, con il successivo passaggio a una dose profilattica di 500 - 1500 UI / die.
  • nel trattamento delle malattie da rachitismo: 20000-30000 ME al giorno (40-60 gocce) a seconda dell'età, del peso corporeo e della gravità della malattia, sotto il controllo dei parametri biochimici del sangue e delle analisi delle urine. Il corso del trattamento è di 4-6 settimane. Il trattamento viene effettuato sotto la supervisione di un medico.
  • con trattamento complesso dell'osteoporosi postmenopausale: 500-1000 ME (1-2 gocce) al giorno.

Il dosaggio viene solitamente dato in base alla quantità di vitamina D che viene dal cibo.

Effetti collaterali

overdose
Sintomi di overdose: perdita di appetito, nausea, vomito, stitichezza, ansia, sete, poliuretano, diarrea, colica intestinale. I sintomi più comuni includono mal di testa, dolori muscolari e articolari, disturbi mentali, tra cui depressione, stupore, atassia e progressiva perdita di peso. Insufficienza renale sviluppata con albinuria, eritrocituria e poliuria, aumento della perdita di potassio, ipostenuria, nicturia e aumento della pressione sanguigna.

Nei casi più gravi possono verificarsi annebbiamenti corneali, meno frequenti gonfiori della papilla del nervo ottico, infiammazione dell'iride fino allo sviluppo della cataratta.
Possono formarsi calcoli renali, avviene la calcificazione dei tessuti molli, compresi i vasi sanguigni, il cuore, i polmoni e la pelle.
Raramente l'ittero colestatico si sviluppa.

trattamento
Interrompere l'uso del farmaco. Consultare un medico Prendi una grande quantità di liquido. Se necessario, potrebbe essere necessario il ricovero ospedaliero.

Interazione con altri farmaci

Istruzioni speciali
Evitare il sovradosaggio.
La fornitura individuale di un bisogno specifico dovrebbe tenere conto di tutte le possibili fonti di questa vitamina.
Ha osservato alte dosi di vitamina D3 dosi prolungate o di shock possono causare ipervitaminosi cronica D3.
La determinazione del fabbisogno giornaliero del bambino per la vitamina D e il metodo del suo uso dovrebbero essere determinati dal medico individualmente e ogni volta sottoposti a correzione durante gli esami periodici, specialmente nei primi mesi di vita.
Non usare contemporaneamente con vitamina D3 alte dosi di calcio.
Durante il trattamento, è necessario un monitoraggio periodico della concentrazione di calcio e fosfato nel sangue e nelle urine.

Modulo di rilascio
Gocce per somministrazione orale 15.000 UI / ml. Su 10 ml o 15 ml in flaconi di vetro scuro con un tappo di polietilene - un contagocce e la copertura in polietilene avvitata con un anello di garanzia di "prima apertura". 1 bottiglia insieme con l'istruzione per applicazione è messa in un pacco di cartone.

Condizioni di conservazione
Conservare a temperature comprese tra 5 ° C e 25 ° C. Proteggere dalla luce. Tenere lontano dalla portata dei bambini.

Periodo di validità 3 anni.
Non usare dopo la data di scadenza.

Condizioni di vendita della farmacia
Al banco.

fabbricante

Organizzazione dei reclami dei consumatori
Società per azioni "Stabilimento chimico-farmaceutico" AKRIKHIN "
(AKRIKHIN JSC), Russia
142450, regione di Mosca, distretto di Noginsk, Old Kupavna, ul. Kirova, 29 anni

Akvadetrim - istruzioni per l'uso, recensioni, analoghi e forme di rilascio (soluzione acquosa) di farmaci per il trattamento della carenza di vitamina D3, rachitismo e osteoporosi negli adulti, nei bambini (compresi neonati e neonati) e durante la gravidanza. struttura

In questo articolo, puoi leggere le istruzioni per l'uso del farmaco Akvadetrim. Recensioni presentate dei visitatori del sito - i consumatori di questo medicinale, nonché le opinioni dei medici specialisti sull'uso delle vitamine Akvadetrim nella loro pratica. Una grande richiesta per aggiungere il vostro feedback sul farmaco più attivamente: il medicinale ha aiutato o non ha aiutato a sbarazzarsi della malattia, quali complicazioni ed effetti collaterali sono stati osservati, che potrebbero non essere stati dichiarati dal produttore nell'annotazione. Analoghi di Akvadetrim con la presenza di analoghi strutturali disponibili. Utilizzare per il trattamento della carenza di vitamina D3, rachitismo e osteoporosi negli adulti, nei bambini (compresi neonati e neonati), così come durante la gravidanza e l'allattamento. La composizione del farmaco.

Akvadetrim - un farmaco che regola lo scambio di calcio e fosforo. La vitamina D3 è un fattore anti-rachitico attivo. La funzione più importante della vitamina D è quella di regolare il metabolismo del calcio e del fosfato, che contribuisce alla mineralizzazione e alla crescita dello scheletro.

La vitamina D3 è una forma naturale di vitamina D, che si forma nell'uomo nella pelle grazie all'azione della luce solare. Rispetto alla vitamina D2 è caratterizzato da un'attività superiore del 25%.

Il colecalciferolo svolge un ruolo significativo nell'assorbimento di calcio e fosfato nell'intestino, nel trasporto di sali minerali e nel processo di calcificazione ossea e regola l'escrezione di calcio e fosfato dai reni.

La presenza di ioni calcio nel sangue in concentrazioni fisiologiche garantisce il mantenimento del tono muscolare dei muscoli scheletrici, la funzione miocardica, favorisce la conduzione dell'eccitazione nervosa, regola il processo di coagulazione del sangue.

La vitamina D è necessaria per il normale funzionamento delle ghiandole paratiroidi, è anche coinvolta nel funzionamento del sistema immunitario, influenzando la produzione di linfochine.

La mancanza di vitamina D nel cibo, l'assorbimento alterato, la carenza di calcio e l'insufficiente esposizione solare durante il periodo di crescita rapida del bambino porta al rachitismo, negli adulti - all'osteomalacia, le donne in gravidanza possono manifestare sintomi di tetania, compromissione della calcificazione delle ossa dei neonati.

L'aumento del bisogno di vitamina D si verifica nelle donne durante la menopausa, perché spesso sviluppano l'osteoporosi a causa di disturbi ormonali.

struttura

Colecalciferolo (vitamina D3) + eccipienti.

farmacocinetica

La soluzione acquosa di Akvadetrim viene assorbita meglio della soluzione oleosa (questo è importante quando viene usato nei bambini prematuri, perché in questa categoria di pazienti c'è una mancanza di produzione e flusso di bile nell'intestino, che viola l'assorbimento delle vitamine sotto forma di soluzioni petrolifere). Dopo l'ingestione, il colecalciferolo viene assorbito dall'intestino tenue. Metabolizzato nel fegato e nei reni Penetra nella barriera placentare. È escreto nel latte materno. Colecalciferolo si accumula nel corpo. Escreto dai reni in piccole quantità, la maggior parte viene espulsa con la bile.

testimonianza

Prevenzione e trattamento:

  • carenza di vitamina D;
  • rachitismo e malattie da rachitismo;
  • tetania ipocalcemica;
  • osteomalacia;
  • osteopatie metaboliche (ipoparatiroidismo e pseudoipoparatiroidismo);
  • osteoporosi, incl. postmenopausa (come parte della terapia complessa).

Forme di rilascio

Gocce per somministrazione orale 10 ml (soluzione acquosa).

Istruzioni per l'uso e il dosaggio

La dose è fissata individualmente, tenendo conto della quantità di vitamina D, che il paziente riceve nella composizione della dieta e sotto forma di droghe.

Il farmaco viene assunto in 1 cucchiaio di liquido (1 goccia contiene 500 UI di colecalciferolo).

Al fine di prevenire i neonati a tempo pieno da 4 settimane di vita a 2-3 anni, con cura adeguata e sufficiente esposizione all'aria aperta, il farmaco viene prescritto in una dose di 500-1000 UI (1-2 gocce) al giorno.

I bambini prematuri dalle 4 settimane di età, i gemelli e i bambini che vivono in condizioni avverse, nominano 1000-1500 UI (2-3 gocce) al giorno.

In estate, la dose può essere ridotta a 500 UI (1 goccia) al giorno.

Le donne incinte sono prescritte 500 UI al giorno (1 goccia) al giorno durante l'intera gravidanza, o 1000 UI al giorno, a partire dalla 28a settimana di gravidanza.

Nel periodo postmenopausale vengono prescritti 500-1000 UI (1-2 gocce) al giorno.

Ai fini del trattamento con rachitismo, il farmaco viene prescritto giornalmente a una dose di 2000-5000 UI (4-10 gocce) al giorno per 4-6 settimane, a seconda della gravità del rachitismo (1, 2 o 3) e del decorso della malattia. Allo stesso tempo, è necessario monitorare le condizioni cliniche del paziente e i parametri biochimici (calcio, livelli di fosforo, attività della ALP nel sangue e nelle urine). La dose iniziale è di 2000 UI al giorno per 3-5 giorni, quindi, con una buona tolleranza, la dose viene aumentata a livello terapeutico individuale (di solito fino a 3000 UI al giorno). Una dose di 5000 UI al giorno è prescritta solo per i cambiamenti pronunciati delle ossa. Se necessario, dopo una settimana di interruzione, il trattamento può essere ripetuto.

Il trattamento deve essere continuato fino a quando non si ottiene un chiaro effetto terapeutico, seguito da una transizione a una dose profilattica di 500-1500 UI al giorno.

Nel trattamento delle malattie da rachitismo, vengono prescritti 20.000-30.000 UI (40-60 gocce) al giorno, a seconda dell'età, del peso corporeo e della gravità delle malattie, sotto il controllo dei parametri biochimici del sangue e dell'analisi delle urine. Il corso del trattamento è di 4-6 settimane.

Nel trattamento dell'osteoporosi postmenopausale (come parte della terapia complessa), vengono prescritti 500-1000 UI (1-2 gocce) al giorno.

Effetti collaterali

  • perdita di appetito;
  • nausea, vomito;
  • mal di testa, dolori muscolari e articolari;
  • costipazione;
  • bocca secca;
  • poliuria;
  • la debolezza;
  • disturbo mentale, incl. depressione;
  • perdita di peso;
  • disturbo del sonno;
  • aumento della temperatura;
  • proteine, leucociti, cilindri ialini compaiono nelle urine;
  • aumento del calcio nel sangue e sua escrezione nelle urine;
  • possibile calcificazione dei reni, dei vasi sanguigni, dei polmoni;
  • reazioni di ipersensibilità.

Controindicazioni

  • ipervitaminosi D;
  • ipercalcemia;
  • ipercalciuria;
  • urolitiasi (formazione di calcoli di ossalato di calcio nel rene);
  • sarcoidosi;
  • malattia renale acuta e cronica;
  • insufficienza renale;
  • tubercolosi polmonare attiva;
  • bambini fino a 4 settimane;
  • Ipersensibilità alla vitamina D3 e ad altri componenti del farmaco (in particolare l'alcool benzilico).

Utilizzare durante la gravidanza e l'allattamento

In caso di gravidanza, non usare Aquadietrim ad alte dosi a causa della possibilità di effetti teratogeni in caso di sovradosaggio.

Si deve prescrivere cautela ad Akvadetrim durante l'allattamento, perché con l'uso del farmaco in dosi elevate in una madre che allatta può sviluppare sintomi di sovradosaggio in un bambino.

Durante la gravidanza e durante l'allattamento, la dose di vitamina D3 non deve superare i 600 UI al giorno.

Usare nei bambini

Controindicato nei bambini di età inferiore a 4 settimane.

Istruzioni speciali

Nella nomina del farmaco dovrebbe prendere in considerazione tutte le possibili fonti di vitamina D.

L'uso del farmaco a scopo terapeutico nei bambini deve essere effettuato sotto stretto controllo medico e regolare il regime posologico durante gli esami periodici, specialmente nei primi mesi di vita.

L'uso prolungato di Akvadetrim in dosi elevate o l'uso del farmaco in dosi di shock può portare a ipervitaminosi cronica D3.

Non usare contemporaneamente Akvadetrim e calcio in dosi elevate.

Controllo dei parametri di laboratorio

Quando si utilizza il farmaco a scopo terapeutico, è necessario controllare il livello di calcio nel sangue e nelle urine.

Interazione farmacologica

Con l'uso simultaneo di Akvadetrima con farmaci antiepilettici, la rifampicina, l'assorbimento di colecalciferolo di Kolestiramina è ridotto.

Con l'uso simultaneo di akvadetrima e diuretici tiazidici aumenta il rischio di ipercalcemia.

L'uso simultaneo di akvadetrima con glicosidi cardiaci può aumentare il loro effetto tossico (aumenta il rischio di sviluppare disturbi del ritmo cardiaco).

Analoghi del farmaco Akvadetrim

Analoghi strutturali della sostanza attiva:

  • Vigantol;
  • Videhol;
  • Soluzione Videochola in olio;
  • Vitamina D3;
  • Vitamina D3 100 SD / S a secco;
  • Vitamina D3 Bon;
  • Soluzione acquosa di vitamina D3;
  • Colecalciferolo.

Akvadetrim

Forme di rilascio

Istruzioni akvadetrima

Akvadetrim (il principio attivo è colecalciferolo o vitamina D3) è un farmaco che regola il metabolismo del calcio e del fosforo. Questa è la funzione più importante del farmaco, che fornisce mineralizzazione e crescita dello scheletro e impedisce lo sviluppo di rachitismo e condizioni simili a rachitismo. La vitamina D3 è la stessa vitamina D, solo nella sua forma naturale, che si forma nella pelle di una persona sotto l'azione dell'ultravioletto solare. Se lo si confronta con la vitamina D2, quest'ultimo è inferiore a lui in attività, almeno di un quarto. Il colecalciferolo svolge un ruolo importante nell'assorbimento di calcio e fosfati nell'intestino, regola la loro escrezione dai reni, partecipa attivamente al trasporto di sali minerali e alla calcificazione dell'apparato osseo. Il mantenimento delle concentrazioni fisiologiche degli ioni di calcio nel plasma sanguigno assicura il tono normale dei muscoli striati, il funzionamento del miocardio, contribuisce alla conduzione degli impulsi nervosi e controlla il processo di coagulazione. Senza la vitamina D, il normale funzionamento delle ghiandole paratiroidi è impensabile. Influenzando la produzione di linfochine, è anche coinvolto nel mantenimento dello stato immunitario. Mancanza di questa vitamina nel cibo assorbito, violazione del suo assorbimento nel tratto gastrointestinale, insufficiente assorbimento del calcio, rara esposizione al sole durante il periodo di crescita attiva del bambino - tutti questi fattori insieme possono portare allo sviluppo di rachitismo, negli adulti - all'osteomalacia ("addolcimento" ossa), e nelle donne in gravidanza ci possono essere segni di tetany, così come violazioni dei processi di calcificazione ossea nei neonati. Un aumento del bisogno immediato di vitamina D è osservato nelle donne nel periodo della menopausa, da allora Questo è un periodo molto sfavorevole in termini di sviluppo dell'osteoporosi, associato a "oscillazioni" ormonali. Una soluzione acquosa di colecalciferolo (e akvadetrim è una soluzione di vitamina D3 in acqua) viene assorbita nel tratto digestivo meglio dell'olio. Ciò è particolarmente vero per i bambini prematuri, poiché sono contrassegnati da una produzione insufficiente e dall'ingresso di bile nell'intestino, il che si traduce nell'assorbimento di soluzioni oleose di vitamine.

L'assorbimento di akvadetrima si verifica nell'intestino tenue. Il farmaco viene metabolizzato nel fegato e, in misura minore, nei reni. Il colecalciferolo tende ad accumularsi nel corpo. L'emivita del farmaco è entro pochi giorni. L'escrezione di akvadetrima è effettuata insieme con bile, e in più piccola quantità - con urina. Nei pazienti con insufficienza renale, l'emivita del farmaco può aumentare, il che deve essere preso in considerazione quando si determina la dose terapeutica.

Akvadetrim si presenta sotto forma di gocce per somministrazione orale. Una goccia contiene 500 unità internazionali di colecalciferolo. Il regime di dosaggio del farmaco viene impostato individualmente, tenendo conto della quantità totale di vitamina D che entra nel corpo del paziente con il cibo e sotto forma di altri medicinali (in altre parole, è necessario tenere a mente tutte le possibili fonti esterne di questa vitamina). L'uso di akvadetrim a scopo terapeutico nei pazienti pediatrici deve essere eseguito sotto stretto controllo medico e devono essere apportate le opportune modifiche al regime posologico dopo gli esami pianificati (questo si applica principalmente ai primi mesi di vita di un bambino). L'uso prolungato del farmaco in dosi elevate può causare l'ipervitaminosi cronica D3. L'uso simultaneo di akvadetrima con preparazioni di calcio non è raccomandato. Quando si trattano akvadetrimom si dovrebbe monitorare il contenuto di ioni di calcio nelle urine. Un sovradosaggio di vitamina D3 si manifesta con perdita di appetito, nausea o vomito, stitichezza, sete, abbondante minzione, diarrea, dolore parossistico acuto nell'intestino. In questi casi è necessaria la completa abolizione del farmaco, un'abbondante idratazione (per ingestione di grandi volumi di liquidi all'interno). Nei casi più gravi, è possibile mettere il paziente in ospedale. L'uso combinato di akvadetrima con diuretici tiazidici e tiazidici aumenta il rischio di sviluppare ipercalcemia.

Akvadetrim (Aquadetrim)

Principio attivo:

contenuto

Gruppo farmacologico

Classificazione Nosologica (ICD-10)

Immagini 3D

Composizione e forma di rilascio

in flaconi di vetro scuro da 10 ml, completi di un contagocce (1 ml = 30 gocce); in un pacchetto di cartone 1 set.

Descrizione della forma di dosaggio

Liquido incolore e chiaro (opalescenza leggera) con odore e sapore di anice.

Azione farmacologica

farmacodinamica

Colecalciferolo - una forma naturale di vitamina D, si forma nella pelle sotto l'azione della luce solare. Rispetto all'ergocalciferolo, è attivo il 25% in più. Migliora l'assorbimento del calcio nell'intestino e il riassorbimento del fosforo nei tubuli renali, normalizza la formazione dello scheletro osseo e contribuisce alla preservazione della struttura ossea.

Gli ioni di calcio contenuti nel sangue determinano il mantenimento del tono muscolare dei muscoli scheletrici, la funzione miocardica, contribuiscono alla conduzione dell'eccitazione nervosa, regolano il processo di coagulazione del sangue. Normalizza la funzione delle ghiandole paratiroidi, il sistema immunitario, influisce sulla produzione di linfochine.

La mancanza di vitamina D nel cibo, l'assorbimento alterato, la carenza di calcio e l'insufficiente esposizione alla luce solare, durante il periodo di rapida crescita del bambino, porta al rachitismo; negli adulti, osteomalacia; le donne in gravidanza possono manifestare sintomi di tetania, una violazione della calcificazione delle ossa dei neonati. L'aumento del bisogno di vitamina D si verifica nelle donne durante la menopausa, perché spesso sviluppano l'osteoporosi, a causa di disturbi ormonali.

farmacocinetica

Soluzione acquosa di vitamina D3 assorbito meglio della soluzione oleosa. Nei bambini prematuri, c'è una formazione insufficiente e l'ingresso di bile nell'intestino, che interrompe l'assorbimento delle vitamine sotto forma di soluzioni petrolifere.

Dopo somministrazione orale, viene assorbito nell'intestino tenue distale. Metabolizzato nel fegato e nei reni Passa attraverso la placenta e nel latte materno. Excreted nelle urine e nelle feci. T1/2 è di diversi giorni e in caso di insufficienza renale aumenta. Ha proprietà cumulative.

Indicazioni farmaco Akvadetrim

Carenza di vitamina D (prevenzione e trattamento), rachitismo, malattie da rachitismo, ipocalcemia, tetania, osteopatie metaboliche (ipoparatiroidismo, pseudoipoparatiroidismo), osteomalacia (prevenzione e trattamento), terapia complessa dell'osteoporosi (compresa la menopausa).

Controindicazioni

Ipersensibilità (incluso alcool benzilico), ipervitaminosi D, ipercalcemia, ipercalciuria, nephurolithiasis di calcio, insufficienza renale, sarcoidosi.

Utilizzare durante la gravidanza e l'allattamento

Non deve essere prescritto durante la gravidanza ad alte dosi (ha un effetto teratogeno). Con cautela - durante l'allattamento.

Effetti collaterali

Non notato se usato nelle dosi raccomandate. Sintomi di ipervitaminosi D:

Dal sistema nervoso e dagli organi sensoriali: mal di testa, muscolatura, dolori articolari, disturbi mentali (compresa la depressione), secchezza nella cavità orale.

Dal momento che il sistema cardiovascolare e il sangue (emopoiesi, emostasi): ipercalcemia.

Da parte del tubo digerente: perdita di appetito, nausea, vomito, stitichezza.

Metabolismo: perdita di peso corporeo.

Dal sistema genito-urinario: poliuria, ipercalciuria, nephrolurithiasis di calcio.

Altro: calcificazione sistemica.

interazione

Farmaci antiepilettici, rifampicina, colestiramina riducono il riassorbimento della vitamina D3. I diuretici tiazidici aumentano il rischio di ipercalcemia. Migliora l'effetto tossico dei glicosidi cardiaci (aumenta il rischio di sviluppare disturbi del ritmo cardiaco).

Dosaggio e somministrazione

All'interno, 1 goccia contiene 500 UI di vitamina D3. Prevenzione: bambini: neonati a tempo pieno da 3-4 settimane a 2-3 anni, 500-1000 UI (1-2 gocce) al giorno; ai bambini prematuri, dai 7 ai 10 giorni di vita, ai gemelli, ai bambini in condizioni di vita sfavorevoli - 1000-1500 UI (2-3 gocce) al giorno. In estate, la dose è ridotta a 500 UI (1 goccia) al giorno. Per le donne in gravidanza, 500 UI (1 goccia) al giorno durante l'intero periodo di gravidanza o 1000 UI (2 gocce) al giorno, a partire da 28 settimane di gestazione. Nel periodo postmenopausale: 500-1000 UI (1-2 gocce) al giorno.

Trattamento: con rachitismo, 2000-5000 IU giornalieri (4-10 gocce) a seconda della gravità del rachitismo (I, II, III) e del ciclo di trattamento, per 4-6 settimane o una dose iniziale di 2000 IU (4 gocce) per per 3-5 giorni, con una buona portabilità - fino a 3000 UI (6 gocce), con cambi di osso pronunciati - fino a 5000 UI (10 gocce). Se necessario, ripetere il trattamento dopo 1 settimana. Dopo aver raggiunto un effetto terapeutico, passano alla somministrazione profilattica (500-1500 UI / die). Malattie di tipo Rachitus - 20.000-30000 IU / die (40-60 gocce), il corso del trattamento è di 4-6 settimane. Per l'osteoporosi postmenopausale (trattamento complesso) - 500-1000 UI / die (1-2 gocce).

overdose

Sintomi: perdita di appetito, nausea, vomito, stitichezza, ansia, sete, poliuria, diarrea, colica renale. Mal di testa, dolori muscolari e articolari, disturbi mentali (depressione), stupore, atassia, progressiva perdita di peso. Funzionalità renale compromessa con albuminuria, eritrocituria, poliuria, ipercaliuria, ipostenuria, nicturia, aumento della pressione sanguigna. Nei casi gravi - annebbiamento corneale, gonfiore della papilla del nervo ottico, infiammazione dell'iride (fino allo sviluppo della cataratta). La nephrourolithiasis di calcio, può svilupparsi calcificazione sistemica. Raramente - ittero colestatico.

Trattamento: ritiro della droga. Terapia sintomatica e di supporto Ricezione di una grande quantità di liquido.

Precauzioni di sicurezza

Il sovradosaggio deve essere evitato. Dosi di vitamina D troppo elevate3, dosi a lungo termine o shock possono causare ipervitaminosi cronica D3. Nel determinare la dose di vitamina D deve tener conto della sua quantità dal cibo.

La determinazione del bisogno quotidiano del bambino per vitamina D, il metodo della sua applicazione è effettuato dal dottore singolarmente e è periodicamente controllato, particolarmente nei primi mesi di vita.

Si deve usare cautela nei pazienti con immobilizzazione prolungata.

L'assunzione simultanea di alte dosi di calcio deve essere evitata.

Durante il trattamento, è necessario controllare il livello di calcio nel sangue e nelle urine.

Condizioni d'immagazzinamento della medicina Akvadetrim

Tenere lontano dalla portata dei bambini.

Periodo di validità del farmaco Akvadetrim

Non utilizzare dopo la data di scadenza stampata sulla confezione.

Akvadetrim

Descrizione del 06/01/2015

  • Nome latino: Aquadetrim
  • Codice ATC: A11CC05
  • Principio attivo: Colecalciferolo (Colecalciferolo)
  • Produttore: MEDANA PHARMA (Polonia)

struttura

La composizione di 1 ml di gocce di Akvadetrim comprende 15.000 UI di colecalciferolo (vitamina D3).

Ingredienti aggiuntivi: macrogol saccarosio, gliceril ricinoleato, sodio idrogeno fosfato dodecaidrato, aroma di anice, acido citrico monoidrato, alcool benzilico, acqua.

Modulo di rilascio

Goccioline trasparenti e incolori per uso interno con odore di anice. 10 ml di tali gocce in una bottiglia di vetro colorato con un tappo nella forma di un contagocce, una bottiglia in una confezione di cartone.

Azione farmacologica

Un farmaco che normalizza il metabolismo del calcio e del fosforo.

Farmacodinamica e farmacocinetica

farmacodinamica

La vitamina D3 è un noto anti-rachiticina attivo. La sua funzione più importante è quella di regolare il metabolismo dei fosfati e del calcio - stimola la crescita dello scheletro e la sua mineralizzazione.

La vitamina D3 è la forma fisiologica della semplice vitamina D, che viene sintetizzata dal sole negli esseri umani nella pelle. Ha un 25% in più di attività pronunciata rispetto alla vitamina D2.

Il colecalciferolo svolge un ruolo piuttosto importante nell'assorbimento di calcio e fosfato negli organi dell'apparato digerente, nel trasporto di sali, nei processi di ossificazione ed escrezione di fosfati e calcio nelle urine.

La presenza di calcio nel sangue nelle concentrazioni richieste è necessaria per mantenere la funzione del miocardio, il tono dei muscoli scheletrici, i processi di coagulazione del sangue, l'impulso dell'eccitazione nervosa, il funzionamento delle ghiandole paratiroidi, il funzionamento del sistema immunitario (influenza la sintesi delle linfochine).

Carenza di vitamina D nell'assunzione di cibo, assorbimento alterato, inadeguata esposizione ai raggi ultravioletti e carenza di calcio durante la crescita di un bambino spesso portano a rachitismo nei bambini, negli adulti - per ammorbidire il tessuto osseo e nelle donne in gravidanza segni di tetania e compromissione della calcificazione ossea i neonati.

farmacocinetica

Dopo aver preso il colecalciferolo viene attivamente assorbito dall'intestino. Subisce una trasformazione nel fegato e nei reni. Penetra attraverso la placenta ed è in grado di essere espulso durante l'allattamento. Si accumula nel corpo. L'emivita raggiunge diversi giorni. Escreto dai reni in piccole quantità, la parte principale viene escreta nella bile.

Indicazioni per l'uso

Prevenzione e trattamento:

  • rachitismo e malattie da rachitismo;
  • carenza di vitamina D;
  • tetania ipocalcemica;
  • osteopatie della genesi metabolica (ipoparatiroidismo e pseudoipoparatiroidismo);
  • osteomalacia;
  • terapia dell'osteoporosi (come parte della terapia multicomponente).

Controindicazioni

  • ipercalcemia;
  • ipervitaminosi D;
  • insufficienza renale;
  • ipercalciuria;
  • sarcoidosi;
  • urolitiasi;
  • malattia renale;
  • età inferiore a 4 settimane;
  • tubercolosi polmonare in forma attiva;
  • ipersensibilità ai componenti del prodotto (in particolare alcol benzilico o vitamina D3).

Con cautela è necessario usare questo farmaco in pazienti in uno stato di immobilizzazione, durante la gravidanza e l'allattamento, mentre assume glicosidi cardiaci, tiazidici, nei neonati (quando la piccola dimensione della temech anteriore è rivelata dalla nascita).

Effetti collaterali

Sintomi di eccesso di vitamina D: nausea, perdita di appetito, vomito, stitichezza, secchezza delle fauci, debolezza, poliuria, disturbi mentali, perdita di peso, disturbi del sonno, febbre, proteinuria, cilindri ialini, aumento del calcio nel sangue, calcificazione vascolare o renale polmoni.

Quando compaiono i primi sintomi di ipervitaminosi D, si raccomanda di interrompere il trattamento, se possibile, di prevenire l'assunzione di calcio e iniziare a prendere le vitamine C, A e B.

Akvadetrim, istruzioni per l'uso (metodo e dosaggio)

Istruzioni per l'uso Akvadetrima consiglia di impostare la dose individualmente, tenendo conto dei valori della vitamina D3, formata dalla vitamina D ricevuta dal paziente come parte del cibo.Il farmaco viene sciolto in 1 cucchiaio d'acqua. Una goccia di Aquadetrim contiene 500 UI di colecalciferolo.

Per la prevenzione dei neonati a tempo pieno dalla quarta settimana di vita e fino a tre anni, il farmaco viene prescritto da una a due gocce al giorno, e ai bambini gemelli, neonati prematuri e bambini in condizioni avverse, tre gocce al giorno. In estate, la dose può essere ridotta a una goccia al giorno.

Alle donne incinte viene prescritta una goccia al giorno per l'intero periodo di gravidanza o due gocce al giorno, a partire dal sesto al settimo mese di gravidanza. Alle donne in postmenopausa vengono prescritte da una a due gocce al giorno.

Ai fini della terapia con il rachitismo, un farmaco viene prescritto ogni giorno fino a 10 gocce al giorno per un mese, a seconda della gravità del rachitismo e della variante clinica della malattia. In parallelo, è necessario monitorare le condizioni del paziente e gli indicatori di analisi biochimica del sangue (il livello di fosforo, calcio, fosfatasi alcalina nel sangue e nelle urine). La dose iniziale - 4 gocce al giorno per cinque giorni, dopo questo periodo, con una buona tolleranza, il dosaggio può essere aumentato al trattamento individuale (fino a 6 gocce al giorno). 10 gocce al giorno sono prescritte solo per cambiamenti pronunciati nel tessuto osseo. Se necessario, è possibile ripetere il trattamento con il permesso del medico dopo una settimana di interruzione. La terapia deve essere continuata fino alla comparsa di un chiaro effetto clinico, con il passaggio a un dosaggio profilattico successivamente.

Nel trattamento delle malattie da rachitismo, vengono prescritte 40-60 gocce al giorno, a seconda del peso, dell'età e della gravità della condizione, sotto il controllo dei parametri del sangue e delle urine. Il corso della terapia è di 4-6 settimane.

Nel trattamento dell'osteoporosi postmenopausale, il farmaco viene assunto da una a due gocce al giorno.

overdose

I sintomi di sovradosaggio nei bambini non differiscono da quelli negli adulti e sono caratterizzati da diminuzione dell'appetito, vomito, diarrea, nausea, stitichezza, sete, ansia, poliuria, colica intestinale.

Frequentemente, i sintomi includono dolore muscolare, mal di testa e articolare, stupore, disturbo mentale, depressione, atassia, perdita di peso. Lo sviluppo di danno renale con eritrocituria, albuminuria e poliuria, ipostenuria, aumento della perdita di potassio, nicturia e aumento della pressione è possibile.

Nei casi gravi possono manifestarsi opacizzazione corneale, infiammazione dell'iride o gonfiore del nervo ottico, formazione di calcoli nei reni, calcificazione di tessuti e organi, ittero colestatico.

Trattamento: interruzione del farmaco. Consiglia di ricevere un grande volume di liquido. Se necessario, ospedalizzazione del paziente.

interazione

Quando combinato con rifampicina, farmaci antiepilettici, l'assorbimento di colestiramina di colecalciferolo è ridotto.

Quando combinato con diuretici tiazidici, aumenta il rischio di ipercalcemia.

L'uso combinato con glicosidi cardiaci stimola i loro effetti tossici.

Condizioni di vendita

Condizioni di conservazione

Tenere fuori dalla portata dei bambini. Conservare a temperature fino a 25 gradi.

Periodo di validità

Istruzioni speciali

Quando si prescrive un agente, è necessario prendere in considerazione l'assunzione di vitamina D da tutte le possibili fonti.

Quando si utilizza il farmaco per lo scopo del trattamento, è necessario monitorare regolarmente la concentrazione di calcio nelle urine e nel plasma.

analoghi

Per i bambini

Il farmaco è stato creato per il trattamento e la prevenzione di malattie associate a carenza cronica di vitamina D, anche nei bambini. Gli schemi di trattamento delle malattie associate alla carenza di vitamina D nei bambini sono descritti nella sezione "Aquadreetm, istruzioni per l'uso".

Akvadetrim per i neonati

Per la prevenzione delle malattie associate alla carenza di vitamina D, i neonati a tempo pieno dalla quarta settimana di vita e fino a tre anni, il farmaco viene prescritto 1-2 gocce al giorno e neonati prematuri, gemelli e bambini in condizioni avverse - 3 gocce al giorno.

Come dare bambini akvadetrim?

Tra le giovani madri, la questione di come dare akvadetrim a un neonato è spesso rilevante. Gocce di neonati diluite in un cucchiaio di cereali o latte. Non è consigliabile aggiungere gocce al piatto o alla bottiglia, perché è impossibile garantire l'attuazione della dose completa del farmaco.

Durante la gravidanza e l'allattamento

Durante la gravidanza e durante l'allattamento, la dose di vitamina D3 deve essere inferiore a 600 UI al giorno, altrimenti possono verificarsi effetti teratogeni sul feto o la comparsa di sintomi di sovradosaggio in un neonato.

Recensioni di Aquadetrim

Recensioni di Akvadetrime indicano l'efficacia del farmaco, ma ci sono un gran numero di segnalazioni di eventi avversi e reazioni allergiche. In questi casi, contatti immediatamente il medico.

Prezzo Akvadetrima dove acquistare

Il prezzo di Akvadetrim in confezione standard in Russia è di 168-203 rubli.

In Ucraina, il prezzo medio di questo farmaco, spesso utilizzato per i neonati per prevenire l'ipovitaminosi D, è vicino a 126 grivna.

Akvadetrim: istruzioni per l'uso

struttura

1 ml di soluzione (circa 30 gocce) contiene: principio attivo: colecalciferolo 15.000 UI

eccipienti: Cremophor E1, saccarosio (250 mg), sodio idrogeno fosfato, acido citrico, aroma di anice, alcool benzilico (15 mg), acqua purificata.

descrizione

Indicazioni per l'uso

Controindicazioni

Ipersensibilità ai componenti del farmaco, in particolare alcol benzilico, ipervitaminosi D, elevati livelli di calcio nel sangue e nelle urine, calcoli renali di calcio, sarcoidosi, insufficienza renale.

Interazione con altri farmaci

Farmaci antiepilettici, rifampicina, colestiramina, paraffina liquida riducono il riassorbimento della vitamina D3.

L'uso concomitante di tiazidici aumenta il rischio di ipercalcemia.

L'uso simultaneo con glicosidi cardiaci può aumentare il loro effetto tossico (aumenta il rischio di aritmia).

Il sovradosaggio deve essere evitato.

La fornitura individuale di un bisogno specifico dovrebbe tenere conto di tutte le possibili fonti di questa vitamina.

Dosi troppo elevate di vitamina D3, dosi prolungate o di shock possono causare ipervitaminosi cronica D3.

La determinazione del fabbisogno giornaliero del bambino per la vitamina D e la modalità di somministrazione dovrebbe essere determinata individualmente e ogni volta soggetta a correzione durante gli esami periodici, specialmente nei primi mesi di vita.

Usare con cautela nei pazienti immobilizzati.

Non dovrebbe essere usato contemporaneamente con vitamina D3 alte dosi di calcio.

Periodo di gravidanza e allattamento

Dosaggio e somministrazione

Il farmaco viene preso in un cucchiaio di liquido.

1 goccia contiene circa 500 UI di vitamina D3.

A meno che il medico non prescriva diversamente, il farmaco viene utilizzato nei seguenti dosaggi: dosi profilattiche.

- neonati a tempo pieno da 3-4 settimane di vita a 3 anni con cura adeguata e sufficiente permanenza all'aria aperta: 500 - 1 OOO IU (1-2 gocce) al giorno;

- bambini prematuri, dai 7 ai 10 giorni di età, gemelli, bambini in condizioni di vita sfavorevoli: 1 000 - 1 500 UI (2-3 gocce) al giorno.

In estate, è possibile limitare la dose a 500 UI (1 goccia) al giorno.

- donne in gravidanza: una dose giornaliera di 500 UI di vitamina D per l'intero periodo di gravidanza o assunzione di 1.000 UI / die dalla 28a settimana di gravidanza.

- adulti: 500 - 1.000 UI (1-2 gocce) al giorno.

- per rachitismo: giornalmente 2.000-5.000 UI (4-10 gocce), a seconda della gravità del rachitismo (I, II o III) e del ciclo di trattamento, per 4-6 settimane, sotto attento monitoraggio delle condizioni cliniche e della ricerca parametri biochimici (calcio, fosforo, fosfatasi alcalina) del sangue e delle urine. Si dovrebbe iniziare con 2.000 UI per 3-5 giorni, quindi, con una buona tolleranza, aumentare la dose a una singola dose terapeutica (di solito 3000 UI). Una dose di 5.000 UI è prescritta solo per i cambiamenti pronunciati delle ossa.

Se necessario, dopo un'interruzione di una settimana, puoi ripetere il trattamento.

Il trattamento viene eseguito fino a quando non si ottiene un chiaro effetto terapeutico, seguito da una transizione a una dose profilattica di 500-1.500 UI / die.

- nel trattamento delle malattie da rachitismo: 20.000 - 30.000 UI al giorno (40-60 gocce), a seconda dell'età, del peso corporeo e della gravità della malattia, sotto il controllo dei parametri biochimici del sangue e delle analisi delle urine. Il corso del trattamento è di 4-6 settimane. Il trattamento viene effettuato sotto la supervisione di un medico.

- con trattamento complesso dell'osteoporosi postmenopausale: 500 - 1 000 UI (1-2 gocce) al giorno.

Il dosaggio viene solitamente prescritto tenendo conto della quantità di vitamina D fornita con il cibo.

Effetti collaterali

Quando si utilizza il farmaco nelle dosi raccomandate, non si osservano effetti collaterali.

Nel caso di ipersensibilità individuale raramente osservata alla vitamina D3 o come risultato dell'applicazione di dosi troppo elevate per un lungo periodo di tempo, possono manifestarsi sintomi di ipervitaminosi D. I sintomi di ipervitaminosi sono i seguenti: perdita di appetito, disturbi del tratto digestivo (nausea, vomito), mal di testa, dolori muscolari e articolari, stitichezza, secchezza delle fauci, poliuria, depressione, disturbi mentali, perdita di peso, possono raggiungere un aumento dei livelli di calcio nel sangue e / o nelle urine, nell'uritiasi e nella calcificazione dei tessuti.

Il verificarsi di tutti gli effetti avversi (insoliti), compresi quelli non elencati nel foglio illustrativo, deve essere segnalato al medico.

overdose

Sintomi tossici a seguito di avvelenamento acuto sono rari, più spesso nei neonati e nei bambini dopo aver applicato 100.000 UI o più di una vitamina al giorno.

Con un sovradosaggio del farmaco si sviluppa indebolimento, mancanza di appetito, nausea, vomito, stitichezza, ansia, sete, poliuria, iperacidità dello stomaco, diarrea, colica intestinale. I sintomi più comuni includono mal di testa, dolori muscolari e articolari, depressione, disturbi mentali, atassia, stupore e progressiva perdita di peso. Una disfunzione renale con albinuria, eritrocituria e poliuria, aumento della perdita di potassio, ipostenuria, nicturia e un moderato aumento della pressione arteriosa si sviluppa.

Nei casi più gravi possono verificarsi annebbiamenti corneali, meno frequenti gonfiori della papilla del nervo ottico, infiammazione dell'iride fino allo sviluppo della cataratta. Si possono formare calcoli renali, il tessuto molle, compresi i vasi sanguigni, il cuore, i polmoni e la pelle, è disaccoppiato.

Raramente l'ittero colestatico si sviluppa.

Interrompere l'uso del farmaco. Consultare un medico Prendi una grande quantità di liquido. Se necessario, potrebbe essere necessario il ricovero ospedaliero.

Akvadetrim

◊ Le gocce per l'ingestione sono incolori, trasparenti o leggermente opalescenti, con odore di anice.

Eccipienti: macrogol gliceril ricinoleato, saccarosio, sodio idrogeno fosfato dodecaidrato, acido citrico monoidrato, aroma di anice, alcool benzilico, acqua depurata.

10 ml - flaconi contagocce in vetro scuro (1) - confezioni di cartone.
15 ml - flaconi contagocce in vetro scuro (1) - confezioni di cartone.

Vitamina D3 è un fattore anti-rachitico attivo. La funzione più importante della vitamina D è quella di regolare il metabolismo del calcio e del fosfato, che contribuisce alla mineralizzazione e alla crescita dello scheletro.

Vitamina D3 è una forma naturale di vitamina D, che si forma nell'uomo nella pelle sotto l'azione della luce solare. Rispetto alla vitamina D2 caratterizzato da un'attività superiore del 25%.

Il colecalciferolo svolge un ruolo significativo nell'assorbimento di calcio e fosfato nell'intestino, nel trasporto di sali minerali e nel processo di calcificazione ossea e regola l'escrezione di calcio e fosfato dai reni.

La concentrazione di ioni di calcio nel sangue in concentrazioni fisiologiche garantisce il mantenimento del tono muscolare dei muscoli scheletrici, la funzione miocardica, favorisce la conduzione dell'eccitazione nervosa, regola il processo di coagulazione del sangue.

La vitamina D è necessaria per il normale funzionamento delle ghiandole paratiroidi, è anche coinvolta nel funzionamento del sistema immunitario, influenzando la produzione di linfochine.

La mancanza di vitamina D nel cibo, l'assorbimento alterato, la carenza di calcio e l'insufficiente esposizione solare durante il periodo di crescita rapida del bambino porta al rachitismo, negli adulti - all'osteomalacia, le donne in gravidanza possono manifestare sintomi di tetania, compromissione della calcificazione delle ossa dei neonati.

L'aumento del bisogno di vitamina D si verifica nelle donne durante la menopausa, perché spesso sviluppano l'osteoporosi a causa di disturbi ormonali.

Una soluzione acquosa di colecalciferolo viene assorbita meglio di una soluzione oleosa (questo è importante se usato nei bambini prematuri, perché in questa categoria di pazienti c'è una mancanza di produzione e flusso di bile nell'intestino, che viola l'assorbimento delle vitamine sotto forma di soluzioni petrolifere).

Dopo l'ingestione, il colecalciferolo viene assorbito dall'intestino tenue.

Distribuzione e metabolismo

Metabolizzato nel fegato e nei reni

Penetra nella barriera placentare. È escreto nel latte materno. Colecalciferolo si accumula nel corpo.

T1/2 è un paio di giorni. Escreto dai reni in piccole quantità, la maggior parte viene espulsa con la bile.

Farmacocinetica in situazioni cliniche speciali

Prevenzione e trattamento:

- carenza di vitamina D;

- rachitismo e malattie da rachitismo;

- malattie ossee a base metabolica (come ipoparatiroidismo e pseudo-ipoparatiroidismo).

Trattamento dell'osteoporosi, incl. postmenopausa (come parte della terapia complessa).

- urolitiasi (formazione di calcoli di ossalato di calcio nel rene);

- malattia renale acuta e cronica;

- forma attiva di tubercolosi polmonare;

- età da bambini fino a 4 settimane;

- ipersensibilità a vitamina D3 e altri componenti del farmaco (in particolare l'alcool benzilico).

Il farmaco deve essere usato con cautela nei pazienti in uno stato di immobilizzazione; quando assume tiazidici, glicosidi cardiaci; durante la gravidanza e l'allattamento (allattamento al seno); nei neonati con una predisposizione alla crescita eccessiva delle fontanelle (quando la piccola dimensione della fontanella anteriore viene stabilita dalla nascita).

Il farmaco viene assunto in 1 cucchiaio di liquido (1 goccia contiene 500 UI di colecalciferolo). A meno che il medico non abbia prescritto diversamente, il farmaco viene utilizzato nei seguenti dosaggi:

Al fine di prevenire i neonati a vita intera da 4 settimane di vita fino a 2-3 anni, con cura adeguata e sufficiente esposizione all'aria aperta, il farmaco viene prescritto in una dose di 500-1000 UI (1-2 gocce) / die.

I bambini prematuri dalle 4 settimane di età, i gemelli e i bambini che vivono in condizioni avverse, nominano 1000-1500 UI (2-3 gocce) / die.

In estate, la dose può essere ridotta a 500 UI (1 goccia) al giorno.

Le donne incinte sono prescritte 500 UI al giorno (1 goccia) al giorno durante l'intera gravidanza o 1000 UI / die, a partire dalla 28a settimana di gravidanza.

Nel periodo postmenopausale nominare 500-1000 UI (1-2 gocce) / giorno.

Ai fini del trattamento con rachitismo, il farmaco viene prescritto giornalmente in una dose di 2000-5000 UI (4-10 gocce) / die per 4-6 settimane, a seconda della gravità del rachitismo (I, II o III) e del decorso della malattia. Allo stesso tempo, è necessario monitorare le condizioni cliniche del paziente e i parametri biochimici (calcio, livelli di fosforo, attività della ALP nel sangue e nelle urine). La dose iniziale è di 2000 UI / die per 3-5 giorni, quindi, con una buona tolleranza, la dose viene aumentata a livello terapeutico individuale (di solito fino a 3000 UI / die). Una dose di 5000 IU / giorno è prescritta solo per i cambiamenti pronunciati delle ossa. Se necessario, dopo una settimana di interruzione, il trattamento può essere ripetuto.

Il trattamento deve essere continuato fino ad ottenere un chiaro effetto terapeutico, seguito da una transizione a una dose profilattica di 500-1500 UI / die.

Nel trattamento delle malattie da rachitismo vengono prescritti 20.000-30.000 UI (40-60 gocce) al giorno, a seconda dell'età, del peso corporeo e della gravità delle malattie, sotto il controllo dei parametri biochimici del sangue e delle analisi delle urine. Il corso del trattamento è di 4-6 settimane.

Nel trattamento dell'osteoporosi postmenopausale (come parte della terapia complessa), sono prescritti 500-1000 UI (1-2 gocce) al giorno.

La dose è fissata individualmente, tenendo conto della quantità di vitamina D, che il paziente riceve nella composizione della dieta e sotto forma di droghe.

Sintomi di ipervitaminosi D: perdita di appetito, nausea, vomito; mal di testa, dolori muscolari e articolari; costipazione; bocca secca; poliuria; la debolezza; disturbo mentale, incl. depressione; perdita di peso; disturbo del sonno; aumento della temperatura; proteine, leucociti, cilindri ialini compaiono nelle urine; aumento del calcio nel sangue e sua escrezione nelle urine; possibile calcificazione dei reni, dei vasi sanguigni, dei polmoni. Quando compaiono segni di ipervitaminosi D, è necessario interrompere il farmaco, limitare l'assunzione di calcio, prescrivere le vitamine A, C e B.

Altro: possibili reazioni di ipersensibilità.

Sintomi: perdita di appetito, nausea, vomito, stitichezza, ansia, sete, poliuria, diarrea, colica intestinale. I sintomi comuni sono mal di testa, dolori muscolari e articolari, depressione, disturbi mentali, atassia, stupore, perdita progressiva di peso corporeo. Un'insufficienza renale con albuminuria, eritrocituria e poliuria, aumento della perdita di potassio, ipostenuria, nicturia e un aumento della pressione arteriosa si sviluppa.

Nei casi più gravi, è possibile opacizzare la cornea, meno frequentemente - gonfiore della papilla del nervo ottico, infiammazione dell'iride fino allo sviluppo della cataratta. La formazione di calcoli renali, calcificazione dei tessuti molli, tra cui vasi sanguigni, cuore, polmoni, pelle.

Raramente l'ittero colestatico si sviluppa.

Trattamento: ritiro della droga. Assegnare una grande quantità di assunzione di liquidi. Se necessario, potrebbe essere necessario il ricovero ospedaliero.

Farmaci antiepilettici, rifampicina, Kolestiramin riducono il riassorbimento della vitamina D.3.

L'uso concomitante con diuretici tiazidici aumenta il rischio di ipercalcemia.

L'uso simultaneo con glicosidi cardiaci può aumentare il loro effetto tossico (aumenta il rischio di aritmia).

La fornitura individuale di un bisogno specifico dovrebbe tenere conto di tutte le possibili fonti di questa vitamina.

Dosi di vitamina D troppo elevate3, dosi a lungo termine o shock possono causare ipervitaminosi cronica D3.

La determinazione del fabbisogno giornaliero del bambino per la vitamina D e il metodo del suo uso dovrebbero essere determinati dal medico individualmente e ogni volta sottoposti a correzione durante gli esami periodici, specialmente nei primi mesi di vita.

Usare cautela nei pazienti immobilizzati.

Non usare contemporaneamente con vitamina D3 alte dosi di calcio.

Il trattamento viene effettuato sotto il monitoraggio periodico del livello di calcio nel sangue e nelle urine.

In gravidanza, la vitamina D non deve essere assunta in dosi elevate a causa della possibilità di effetti teratogeni in caso di sovradosaggio.

Si deve prestare attenzione alla vitamina D durante l'allattamento, perché con l'uso del farmaco in dosi elevate in una madre che allatta può sviluppare sintomi di sovradosaggio in un bambino.

Durante la gravidanza e durante la dose di vitamina D durante l'allattamento3 non dovrebbe superare i 600 ME / giorno.

Il colecalciferolo viene metabolizzato nel fegato e nei reni.

Il farmaco deve essere conservato fuori dalla portata dei bambini, protetto dalla luce a una temperatura non superiore a 25 ° C. Periodo di validità - 3 anni.

Altri Articoli Su Piedi